Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


CALVI NOALE - Vianello: buoni ritmi, ma quella traversa...

Il tecnico bianconero è soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi: «Dopo sei mesi non era facile. Buon nostro secondo tempo con due grosse occasioni». E sulla ripresa del campionato: «Contento di rivivere le domeniche come tempo fa. Spero possano riprendere anche i giovani, lo sport è salute e può farci vivere meglio»

Un tempo a testa la prima fra il Calvi Noale e lo Spinea e alla fine non presenta né vinti né vincitori ma nemmeno gol. Termina infatti a reti inviolate il derby in via dei Tigli ed è il condottiero dei padroni di casa, Matteo Vianello, a raccontarci com’è andata.

«Nonostante siano passati sei mesi dall’ultima uscita, la gara ha riservato dei ritmi molto buoni. Il primo tempo ha visto lo Spinea con il pallino del gioco maggiormente in mano, ma le occasioni per passare sono state una a testa. Nel secondo tempo l’ago della bilancia si è spostato dalla nostra parte ed abbiamo avuto due opportunità per sbloccare il match, entrambe con Edoardo Mazza, la prima neutralizzata dall’intervento del portiere ospite Urban, la seconda cogliendo una clamorosa traversa».

Il mister spiega come ha vissuto questo ritorno in campo: «Contento di esser tornato a vivere la domenica come tanto tempo fa. Tornare allo stadio, preparare la partita e stare con i ragazzi è stata la cosa più positiva e mi è piaciuta la disponibilità della squadra in questo momento. Penso anche alle categorie inferiori che non hanno questa fortuna di potersi divertire alla domenica. Spero e auguro a tutto il movimento calcistico di poter tornare il prima possibile ai ritmi di un tempo e, soprattutto ai settori giovanili di poter tornare a giocare al sabato e alla domenica come da consuetudine. Da un anno e due mesi viviamo in questa situazione difficile e c’è la volontà di tutti a tornare alla normalità. Lo meritano non solo i più piccoli, ma anche i grandi. Lo sport è salute e svolgerlo nel weekend ci può far vivere meglio».  (f.p.) 

Nella foto (Venetogol), l'allenatore Matteo Vianello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 18/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07941 secondi