Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ECCELLENZA - Liventina, Ton: a segno con i nostri fuoriquota

Sulle tre marcature il tecnico dei biancoverdi: «Soddisfatto per i giovani del vivaio. Gara combattuta contro un Giorgione partito molto aggressivo. Con il passare del tempo abbiamo acquisito fiducia nei nostri mezzi»

Non tragga in inganno il punteggio di 3-1 con cui la Liventina ha superato al “Samassa” il Giorgione nella prima giornata del girone B dell’Eccellenza veneta-isontin-giuliana. La gara è stata combattuta contro un avversario dimostratosi sin dall’avvio ostico ed aggressivo e vicinissimo alla completa rimonta una volta sotto di due reti. La gara la sbloccano i padroni di casa alla mezzora con Spadera che approfitta di un difettoso disimpegno del portiere ospite, superandolo con un pallonetto da fuori area. Il raddoppio si concretizza a poco dall’intervallo con Akafou, libero ai 5 metri di girare a rete un pallone proveniente dalla destra.
Nella ripresa il Giorgione dimezza con un rigore di Gashi calciato alla sinistra del portiere e poco dopo avrebbe pure la possibilità di pareggiare con un altro tiro dal dischetto, ma stavolta Lorello si oppone alla battuta di Bonaldi. E allora la chiude la Liventina al termine di una pregevole azione in verticale iniziata da Lorello per arrivare a Soncin, il quale serve Costa che riceve e indirizza la sfera nel sette. 

«E’ stata una gara molto combattuta contro un Giorgione partito sin da subito con un atteggiamento molto aggressivo, attaccavano con tre/cinque giocatori – ricorda il mister della Liventina Giuseppe Ton - e con molta qualità nel recupero palla. Col tempo abbiamo preso fiducia dei nostri mezzi uscendo tra le linee riuscendo, con una pressione alta, a passare in vantaggio con Spadera, lesto ad approfittare di un rinvio non perfetto della difesa ospite. Il Giorgione non ha cambiato atteggiamento ma siamo riusciti a contenerli anche grazie al nostro portiere Lorello e, nel contempo, ci rendevamo pericolosi nelle ripartenze. Il raddoppio è nato da un’azione molto bella in fase di costruzione finalizzata dal 2003 Akafou. Ad inizio ripresa, dopo un’occasione su corner di Granzotto per triplicare, ci è stato fischiato contro un rigore non molto chiaro. Successivamente Costa ha fallito una ghiotta opportunità per chiuderla ma si è rifatto poco dopo con la rete del definitivo 3-1. Una bella soddisfazione anche perché i tre gol sono stati messi a segno da ragazzi del 2001, 2002 e 2003, tutti prodotti del vivaio liventino». 

Nella foto (Venetogol), l'allenatore Giuseppe Ton.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 18/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08344 secondi