Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


ECCELLENZA A - Amarezze, zucchero e...

Bilancio di una quarta d'andata memorabile, che proietta il campionato oltre i rodaggi e le messe a punto di inizio stagione

Che domenica, che campionato! Il girone A di Eccellenza è entrato nel vivo dopo appena 4 giornate. Che del resto sono quasi un quinto del percorso complessivo, per cui il tempo utile per rodaggi e messe a punto sta già per terminare...
Masticano amarissimo Rive Flaibano, Fontanafredda e Gemonese. Il Rive Flaibano spaventa di brutto il super Brian Lignano, che già temeva di dover dichiarare il "Teghil" sfortunato. E invece... La panchina lunga di Moras fa la differenza, come l'occhio benevolo degli dei del calcio. Roberto Peressoni si ritrova, così, un capolavoro svalutato dal risultato. E dire che la mediana "verde" dei collinari (Bozzo, Foschia, Drecogna e Cozzarolo) aveva messo alle corde la capolista, e Fiorenzo e soci l'avevano spinta praticamente nel burrone... Questo Brian Lignano può anche sbagliare mezza partita e ribaltarla. E lo stesso vale per il Tamai, che ancora non sa bene com'è riuscito a battere ieri al Tognon il Fontanafredda. Le Furie sprecano, si fanno ipnotizzare da Strukelj, che disinnesca pure un rigore, giocano sotto ritmo, subiscono due gol e... Birtig getta nella mischia Bougma, succede il finimondo, nel giro di 9' i rossoneri beccano 3 gol, con Mestre che, da terzinaccio, sigla una doppietta e confeziona aggancio e sorpasso. Campaner assiste incredulo: se ci fosse stato in campo, Ciccio Campaner, col cavolo che avrebbe permesso alla squadra di farsi portare via una vittoria tanto preziosa e, addirittura, di rimanere a bocca asciutta!
La Gemonese, infine, perde il derby a Fagagna, lo perde giocando un primo tempo non all'altezza e reagendo nella ripresa; lo perde regalando in difesa e non concretizzando davanti. E' il momento di far quadrato, le parole di mister Mascia ("se il problema della squadra sono io, me ne vado subito") prendono di petto la situazione e conducono al chiarimento rapido e deciso. 

Perde i primi punti il Chions, che si aggrappa alla divisione della posta a Cordovado, dove la Spal non coglie l'agognata vittoria, ma mette in mostra altri progressi. Massimiliano Rossi, alla seconda uscita sulla panchina dei giallorossi, spiega: "Sono soddisfatto di questo inizio, ci manca qualche punto, però stiamo crescendo, i giocatori hanno risposto bene al mio arrivo, il clima è buono, sono fiducioso anche perché ci mancano 4 elementi importanti. Ieri, in 11 contro 10 per mezz'ora potevamo fare qualcosa in più, ma è normale che ci sia dell'ansia, che la tanta voglia di ottenere la vittoria tolga un po' di lucidità. Avevamo, non lo si dimentichi, contro il Chions, che è squadra costruita per vincere il campionato: potevano perdere con noi, ma anche castigarci, e con il Brian Lignano hanno qualcosa in più delle altre formazioni. Questo è un girone difficilissimo, senza squadre materasso... Tatticamente non ho fatto rivoluzioni, sto giocando con 4 difensori, 3 centrocampisti e poi o 3 punte o il trequartista. Quando recupereremo gli assenti mi piacerebbe passare alla difesa a 3, vedremo se sarà il caso oppure no. Ruffo? Al Cjarlins Muzane aveva davanti 4-5 senatori di grande caratura, ma è venuto in Eccellenza con lo spirito giusto, con la voglia di crescere e di dimostrare quello che vale. Con 10-15 gol all'attivo quest'anno da fuoriquota potrà tornare subito in D, le qualità ci sono". 

Si gode la prima, liberatoria affermazione la Pro Fagagna. Il "paziente" è guarito?, chiediamo al presidente dei rossoneri Luca Merlino: "Il paziente non è ancora del tutto guarito, dobbiamo migliorare l'intesa tra i nuovi e il resto del gruppo, e soprattutto la continuità della prestazione nell'arco della stessa partita. Però il segnale che aspettavamo è arrivato, quella con la Gemonese era una partita davvero importante per svariati motivi, e averla vinta fa una grandissima differenza, in particolare sul piano morale. Non dimentichiamo che abbiamo già affrontato Brian Lignano, Spal e Chions, avevamo un calendario decisamente complicato, fermo restando che ogni partita sarà tosta, e non è una frase fatta ma la pura verità. Mettiamoci gli infortuni, gli acciacchi, un anno e mezzo di stop per la pandemia e faticare a trovare il ritmo diventa naturale. Ieri abbiamo disputato un buon primo tempo, nella ripresa abbiamo sofferto la reazione della Gemonese, però il risultato atteso lo abbiamo ottenuto. E, comunque, l'ambiente era ed è sereno, siamo soliti affrontare le difficoltà senza drammatizzarle, ci mettiamo tutti in discussione, a cominciare dalla società, e insieme cerchiamo di trovare le soluzioni. Quello di Colavetta è un rinforzo di valore". 

Non è passata sotto traccia l'affermazione del Fiume sul Tricesimo: una vittoria di misura meritata, ma faticosa, che conferma la solidità dell'undici di Bortolussi e non ridimensiona il positivo avvio di stagione degli azzurri. E' agro-dolce, infine, il sapore del 3-3 che il Codroipo ha ottenuto con la Sanvitese. Ma se la punta di dolce è arrivata dal pareggio colto in extremis, l'amaro punge per le distrazioni difensive che hanno portato sull'orlo del ko i padroni di casa. E Luca Salgher, martedì sera, sicuramente farà rilevare la spiacevole faccenda alla truppa in previsione di un nuovo match casalingo, quello contro il Fiume Bannia, una squadra che difficilmente perdona.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/10/2021
 

Altri articoli dalla provincia...











PORDENONE - La carta Tedino

Allarme rosso al Pordenone, che sta vivendo un inizio di stagione da incubo. E deve trovare l'uomo giusto in grado di ricostruire gioco, fiducia e solidità. Ecco cos&igra...leggi
18/10/2021








Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,22035 secondi