Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


SECONDA F - Cherin: teniamo i 3 punti. Quagliariello: ottima prova

Il tecnico della capolista Domio è soddisfatto solo della vittoria: «Partita sottotono». L’allenatore del CGS elogia la prestazione dei suoi nonostante la sconfitta: «Risultato bugiardo, meritavamo di più». I commenti del dopo gara delle prime della classe

CAMPANELLE-PIERIS 4-1 

Andrea Giovannini (numero uno del Campanelle): «Partita senza storia, l’abbiamo dominata dal primo al 90»”. 

Massimo Wisniewski (massima carica nonché “responsabile della panchina” del Pieris):«Abbiamo tentato di fare la nostra partita, ma loro erano più sul pezzo. Visto che abbiamo cercato di costruire qualcosa e abbiamo colpito un palo con Campo – mentre il gol lo ha fatto Cernecca -, prendere un punto sarebbe stato prezioso contro una squadra difficile, ma se non era per il nostro portiere nel secondo tempo il risultato sarebbe stato più netto. Perdere 4-2, comunque, sarebbe stato un po’ diverso se avessimo segnato anziché colpire il palo. Ce la stavamo giocando su un campo stretto e non facile, poi loro avevano più gambe e il rigore ha tagliato ogni nostra velleità».

***** 

TORRE T.C.-ZARJA 5-0 

Flavio Menon (mister del Torre T.C.): «Gara bella e combattuta fino al 2-0 per noi. Primo gol nostro con palla lunga (probabile fuorigioco) e pallonetto di Ruggia. Dopo cinque minuti abbiamo la palla del 2-0, ma Nicolò Ciani impatta sul portiere. Poi la partita è stata sospesa per mezz'ora a causa di un grave infortunio a un giocatore dello Zarja, veramente scene che non è mai bello vedere. Dopo aver ripreso, c’è stato il 2-0 su gran gol da fuori area di Matteo Ciani. Da lì non c'è stata più partita perché hanno espulso due giocatori allo Zarja per proteste. Adesso sotto per mercoledì, quando avremo la semifinale di coppa e poi domenica il Domio. Non siamo contenti di avere gare così importanti in pochi giorni». 

Franco Lakoseljac (trainer dello Zarja): «C’era un ragazzo giovane ad arbitrare una sfida tra la seconda e la terza e ha pagato l’inesperienza. Ha espulso il nostro capitano Kocic, che non è una testa calda. Poi il nostro Laknori ha perso la testa e si è preso il rosso. Non c’è stata più partita e nel finale siamo rimasti in otto. Non era possibile giocare in una situazione del genere. La prossima ce l’avremo in casa a Basovizza contro il Campanelle e non avremo Maccioni, che si è procurato una frattura scomposta a tibia e perone tanto che la partita è stata ferma mezz’ora».

*****

C.G.S.-DOMIO 0-1 

Rocco Quagliariello (coach del C.G.S.): «Ottima prestazione del C.G.S., che comanda la partita dai primi minuti e meriterebbe il vantaggio nella prima frazione avendo avuto almeno tre occasioni per passare in vantaggio. Nella ripresa, purtroppo, restiamo in dieci per l’espulsione di Petronio per doppio giallo, ma la squadra non si disunisce e resta in partita fino a 10 minuti dalla fine, quando da una punizione discutibile, il Domio passa in vantaggio. Abbiamo provato ancora ad impensierire gli avversari, ma senza esiti positivi sfortunatamente. Risultato alquanto bugiardo. Ottima prova della squadra contro il Domio, che dimostra di essere un 'ottima formazione, ma che stavolta - pur vincendo - ha sofferto parecchio». 

Loris Cherin (“conducator” del Domio): «Direi una partita sottotono da parte dei miei ragazzi come in ogni sosta precedente già osservata; non bene a livello tecnico, dalla prima giocata in costruzione sbagliavamo tempi e situazione. Vittoria non giusta poiché il C.G.S. sinceramente ha giocato con più voglia e atteggiamento propositivo. Naturalmente prendiamo questi tre punti, che in altre due partite ci hanno tolto la possibilità di portare a casa. Questa sarà una bella lezione per i ragazzi e sicuramente la prossima domenica sarà diverso».

***** 

VESNA-PRIMORJE 5-0 

Danilo Venanzi (team manager della prima squadra e co-responsabile del settore giovanile del Vesna): «Derby è sempre derby e quindi il primo tempo è stato abbastanza equilibrato. Poi Kerpan e Purič l’hanno chiusa». 

Roberto Fiore (mister del Primorje): «Il primo tempo è finito sul due a zero per il Vesna, poi il risultato finale è stato di 5 a 0 per il Vesna. I nostri ragazzi ci hanno provato assolutamente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/04/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,55628 secondi