Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


NIMIS - Rusalen: bene la squadra A, la B deve crescere

Il presidente degli azzurri fa il punto di questo primo scorcio di campionato tra squadra A, quarta nel suo girone, e squadra B, reduce dall’impietosa sconfitta per 12-0 contro il Moruzzo

Per un Nimis che può sorridere, ce n’è un altro che si lecca le ferite. Può essere riassunto così il momento della società del presidente Renzo Rusalen che quest’anno ha deciso di iscrivere due selezioni al campionato di Seconda categoria: la squadra A, quella formata dai veterani e dai giocatori di spicco, nel girone C e la squadra B, composta unicamente dai giovani, nel girone B.
Proprio quest’ultima sta incontrando non poche difficoltà in campionato, con dieci sconfitte su dieci, tra cui l’ultima impietosa debacle di Moruzzo, 12-0.
Un risultato che comunque non scoraggia il presidente Rusalen: “Non è il massimo subire 12 reti, a me non è mai successo da giocatore, ma non dobbiamo farci abbattere. Il Nimis B è una squadra di ragazzini di belle speranze, che naturalmente devono ancora crescere: avevamo messo in preventivo un campionato difficile. Vedo comunque che non si avviliscono e anzi fanno ancora più gruppo e tengono botta: questa è la cosa importante”. Su le maniche e lavorare, quindi, con la voglia di migliorare: “Già per stasera abbiamo organizzato un’amichevole per testare un nuovo sistema di gioco per mettere i ragazzi più a loro agio. I mister Marco Gollino e Mauro Trombetta stanno ricercando più compattezza tra i reparti. Del resto, quando affronti gente di categoria con i 2002, i 2003, devi sopperire all’esperienza con l’organizzazione”. Tutto in previsione del prossimo proibitivo impegno, quando i giovani azzurri riceveranno la corazzata Cussignacco: “Mi aspetto un’altra sconfitta domenica, loro sono una squadra costruita per ammazzare il campionato. Queste partite ci sono utili per maturare esperienza, sono altre quelle in cui dobbiamo cercare punti”.

Si passa poi al Nimis A, per ora al quarto posto nel girone C: “La squadra A sta facendo molto bene, il gruppo gioca e funziona e su questo bisogna fare un plauso a mister Marco Comelli. Peccato per il pareggio contro il Chiavris”. Domenica scorsa, infatti, gli azzurri non sono andati oltre uno scialbo 0-0 casalingo contro gli udinesi: “E’ stata una partita sottotono, giocata a ritmi blandi da ambo le parti, ma ci può stare. Ora contiamo di recuperare qualche infortunato per tornare a ranghi completi e continuare a far bene”.
Non è l’unica speranza di Rusalen, che chiosa augurandosi di poter proseguire i campionati: “E’ stato bellissimo tornare in campo regolarmente dopo tanti mesi di incertezze: ora speriamo di poter continuare, nonostante la situazione sanitaria stia peggiorando di nuovo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/11/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07525 secondi