Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


PRIMA C - Chiarbola e Domio ripartono, l'Aquileia rischia col fuoco

Undicesima di ritorno e continua il tutti contro tutti. In vetta c'è una coppia, il San Giovanni va a caccia di play-off, la zona retrocessione è una bolgia...

In vetta il Chiarbola raggiunge il Mladost, il Domio tallona mentre in coda la lotta per evitare i play-out si fa serrata con tanti combattenti, più della metà delle squadre in questo strano campionato.
Come detto il Mladost è costretto a condividere il divano più alto con il Chiarbola dopo il pareggio con cui è uscito dal temibile terreno della Schiusa a casa della Gradese. E’ finita 1-1 con le reti di Simeone per i carsolini e Mattia Pinatti per i “mamoli” ad un passo dall’accedere ai play-off.
Con la vittoria per 1-0 in trasferta sul campo della Serenissima, il Chiarbola aggancia in vetta i rossoblù di Caiffa ma lascia la squadra di Baulini nella scomoda terzultima posizione appaiata al Mariano uscito sconfitto sabato per opera dell’Isontina in una gara dove un solo tiro in porta, quello di De Matteo deviato dalla gamba di Bortolus, ha deciso l’incontro a favore della truppa del presidente Pillon ora non più fanalino di coda.

Il “tedoforo” è rimasto il Villesse nonostante sua riuscito ad imbrigliare e a stoppare sull’1-1 il Ruda nel derby casalingo giocato a sabato. Ruda in vantaggio a fine primo tempo con Volk, poi nel finale arriva il pari di Fross in mischia e nel recupero rischia lo harakiri il Villesse concedendo un rigore agli ospiti, parato da Veronese a Pin e Ruda che deve accontentarsi di rimanere al quarto posto. Lo lascia dietro il Domio che non ha difficoltà a sbarazzarsi dell’Aquileia con un poker firmato da Grando, Lapaine, Markovic nel primo tempo e ancora Lapaine su rigore a fissare il punteggio sul 4-1 con la rete di Spagnul a fine primo tempo per i friulani che ora devono tenere le antenne dritte per non finire sui carboni ardenti.

Dove ci torna il Turriaco uscito con le pive nel sacco, ma era pronosticabile, dal campo del San Giovanni, ostico e inviolabile a quasi tutti. Doppio vantaggio già nel primo tempo, poi i triestini allungano lasciando a Bedin il gol della bandiera. Rossoneri di patron Ventura sul treno play-off.
Rammarico invece per il Sant’Andrea per il pareggio subito in casa ad opera dell’Isonzo dopo il vantaggio di Marzini che indirizzava i triestini verso una zona più tranquilla di classifica, ma gli ospiti ribattevano con Bragagnolo cogliendo l’ottavo pari esterno.
Pari e patta è finita sabato fra Primorec e Zarja con tanto rammarico da entrambe. I locali sul doppio vantaggio sono stati raggiunti nel secondo tempo dagli ospiti che nel finale sprecano il gol della possibile vittoria ma a rimetterci comunque è il Primorec rimasto invischiato nella zona play-out.

Claudio Mariani


Tutti i campionati Regionali in DIRETTA LIVE!
Scarica la nuova App ItaliaGol

Link per Android
Clicca qui

Link per Apple
Clicca qui

 

Con la APP di FRIULIGOL sul tuo smartphone, oltre a leggere le news pubblicate quotidianamente sul sito www.friuligol.it, trovi tutti i campionati del Friuli - Venezia Giulia, dalla Serie A, ai dilettamti  il calcio a 5, il campionato Carnico  gli amatori e tutto il calcio giovanile.
Con la APP puoi seguire la tua squadra e il tuo campionato in tempo reale. Aggiornamenti disponibili su Desk - Mobile.

http://i.imgur.com/WqvPRi6.jpg

 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 15/04/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,91158 secondi