Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


INTERVISTE 1 - Beorchia: peccato per i rigori, bella stagione comunque

Il tecnico sconfitto e il rammarico per i tiri dal dischetto, pronto a ripartire con la sua squadra anche nel 2019. Caso Gloder, le speranze di trattenere il giocatore



Il boccone è indigesto per l’Ovarese, tenere testa ai campioni in carica del campionato e perdere ai rigori, finiti sui legni anzichè nel sacco, può bruciare al team guidato da mister Beorchia.

“Giocare due volte contro il Cavazzo, vincere la prima e perdere la seconda ai rigori – confessa il mister dell’Ovarese Sandro Beorchia – mi ritengo molto orgoglioso di quanto messo in mostra dai ragazzi sul campo. Abbiamo tenuto testa ad una squadra nettamente superiore alla nostra che non perde da due anni, cedendo solo ai rigori ad agosto. C’è un po’ di rammarico per la sconfitta, non abbiamo avuto fortuna sui tiri dal dischetto, colpendo due pali. Certamente non è stata una partita di alto livello, un po’ per il campo, siamo alla fine della stagione, ma la gara è stata combattuta con diversi scontri a centrocampo. Purtroppo devo registrare l’infortunio al mio giocatore Thomas Borta che si è rotto la clavicola e a cui faccio i miei migliori auguri di pronta guarigione. L’espulsione di De Antoni? La ritengo giusta, ma ho fatto notare all’arbitro che in queste circostanza ci sono solitamente due colpevoli. Ma eravamo a tre minuti dalla fine ed è stata ininfluente. Il campionato – s’inorgoglisce il mister - mi ha dato soddisfazione, non mi era mai capitato di arrivare a fine stagione ed aver voglia di fare ancora allenamento, sono molto felice della stagione con la vittoria della Coppa Carnia, una salvezza tranquilla arrivando a metà classifica e perdendo solo ai rigori la Supercoppa, il tutto con una rosa ridotta all’osso a causa di qualche infortunio e anche a qualcos’altro di cui dovremo andare a rivedere con la società a livello di organico.
La società mi ha già confermato per la prossima stagione ed ho già dato la massima disponibilità, sono di Ovaro e la cosa migliore è allenare la squadra del proprio paese. Come obiettivo principale – spiega il tecnico Beorchia - poniamo di migliorarci, di disputare un campionato con l’asticella un po’ più alta, poi il campo darà i suoi verdetti. Josef Gloder? Lo ritengo molto intelligente ed ha molta voglia di giocare a calcio. Spero continui con l’Ovarese, ma se dovesse essere da un'altra parte non importa. Ha 22 anni con la “pazzia” giusta di una punta”.

Web - Live e le immagini della supercoppa



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/10/2018
 

Altri articoli dalla provincia...















MERCATO - I Guariniello tornano assieme

 Sembrava aver giurato fedeltà ai Mobilieri Sutrio. E invece, Gabriele Guariniello, attaccante dei vice campioni carnici 2018, lascerà la sua ultima squadra di ap...leggi
20/12/2018




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05223 secondi