Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


CARNICO - La storia dell'Illegiana dal '70 ai giorni nostri

Una delle squadre più antiche e blasonate del Campionato Carnico, tra tifosi storici e vere bandiere, simboli del calcio di una volta che sopravvive allo scorrere del tempo. Sfogliando l’album appaiono i Top 11 e le riserve Doc, i giocatori simbolo e il supertifoso. Non manca la bacheca dei trofei

La storia dell’Illegiana potrebbe iniziare con le note di una famosa canzone di Gino Paoli “Eravamo 4 amici al bar” che in quel caso, non per cambiare il mondo, ma bensì arricchire quello sportivo carnico. Un gruppo di amici che insieme volevano dar vita ad una squadra di calcio e non solo, all’inizio anche podismo e corsa in montagna.

Così i fratelli Bertoli, Emo e Loretto, Ivo Cattaino, Giuseppe Chittaro, i tanti Iob Angelo, Gianni. Milvio, Antonio, Vinicio, e Scarsini, Anselmo, Arturo, Giobatta, Enrico, diedero inizio, nel 1970, a questa splendida realtà che tuttora lega come allora la piccola comunità di Dieç.

L’esordio ufficiale avvenne il 14 maggio del 1972 ma si dovette sopperire però alla mancanza di un campo di gioco per cui l’impianto del capoluogo di Tolmezzo fu la prima casa dei neroverdi, poi passarono per Caneva di Tolmezzo, Imponzo, anno in cui arrivo la prima promozione in eccellenza, successivamente Cavazzo, Verzegnis e di nuovo Tolmezzo.

Grazie all’impegno del super presidente Toni Iob, si arrivò nel 1991 al tanto agognato campo sportivo di Illegio (Pra di lât).

Sulle ali dell’entusiasmo iniziò così un decennio ricco di soddisfazioni con le vittorie di due campionati e due coppe Carnia consecutive (1992,1993), e la prima in assoluto Supercoppa Carnia 1993.

https://i.imgur.com/lsgp7cU.jpg

Tanti ottimi piazzamenti sino alla conquista del terzo campionato nel 2000, a seguire un declino quasi naturale perché sono venuti sempre meno i giocatori del paese, particolarità da sempre dei “boitos”, come sono simpaticamente conosciuti in Carnia.

Ora la squadra fa da anni altalena tra la prima e la seconda categoria, sempre e comunque sostenuta dalla comunità di Illegio che vede nelle partite domenicali al “Toni Iob” in Pra di Lât, un momento di ritrovo e svago dove, come all’epoca, al bar 4 amici volevano cambiare, o quasi, il piccolo mondo di Dieç, e come dicono in tanti in Carnia, li siamo rimasti … a 50 anni fa!

GIOCATORE SIMBOLO - Tarcisio Iob (Ciso)
Classe 1959, dall’età di 20 anni, dopo le giovanili alla Pro Tolmezzo e una breve finestra quasi professionistica, ha difeso la porta dei “Boitos” per più di 25 anni consecutivi. Leader carismatico e silenzioso non ha mai accettato la fascia da capitano anche se da tutti all’interno dello spogliatoio era riconosciuto come tale. Agilità felina, senso della posizione  e dinamismo erano le sue doti migliori. In breve, poche parole tanti fatti!
Ancora oggi con i suoi 61 compiuti si mette a disposizione della società e della squadra, sia come dirigente sia, se serve, anche da “dodicesimo”.
Per lui l’Illegiana è una religione a cui si deve devozione e rispetto.

https://i.imgur.com/bXg5zCK.jpg

IL SUPERTIFOSO - Non potrebbe essere che lui...il mitico “gandi”, al secolo Giovanni Contin il quale purtroppo ci ha lasciato da poco. Era il tifoso con la “T” maiuscola, quello che vedeva 4 o 5 rigori a favore anche quando l’Illegiana subiva sonore sconfitte. Sempre presente e in prima linea quando c’era da dare una mano, soprattutto nella sistemazione di spogliatoi e chiosco. Il campo sportivo di Illegio è stato per anni la sua seconda casa, ma la sua è stata una presenza tranquilla e mai sopra le righe, perché l’amore verso la sua Illegiana lo portava sempre a vedere ì’aspetto migliore.

BACHECA – Tra i trofei conquistati ci sono due Coppe Carnia consecutive nel 1992 e nel 1993 e la Supercoppa nella stresso anno. Tre campionati vinti, nel 1992, 1993 e nel 2000. L’anno glorioso fu il 1979 con la prima promozione in Eccellenza e in seguito il decennio degli anni ’90. Fanno da contraltare le retrocessioni subite.

L’ALBUM DEI RICORDI – La partita da ricordare è la finale di Coppa Carnia del 1992, Illegiana – Paluzza vinta dai neroverdi per 3-2 ai tempi supplementari.

https://i.imgur.com/6gMHkeL.jpg

I gloriosi top 11 di sempre: 1. Tarcisio Iob, 2. Fiore Scarsini, 3. Sergio Nait, 4. Odone Iob, 5. Fiorenzo Scarsini, 6. Igino Bubisutti, 7. Onorato Iob, 8. Ado Agostinis, 9. Anselmo Scarsini, 10. Roberto Fachin, 11. Olinto Iob.

Le riserve Doc: 12. Isaia Iob, 13. Vito Zarabara, 14. Alessandro Scarsini, 15. Sergio Iob, 16. Guido D’Orlando, 17. Matteo Iob, 18. Giuliano Scarsini, 19. Gianluca Iob, 20. Riccardo Cornaggia, 21. Costantino Scarsini.

Allenatori: Aldo Iob e Gino Menegon

Lodovico Iob

In sequenza: foto copertina la formazione, in bianco - nero del 1995; di seguito, a colori,  quella 1972-73; Tarcisio Iob per tutti "Ciso" il giocatore simbolo. Azione di una partita Verzegnis - Illegiana del 1990 , da destra a sinistra: A. Cattaino (Illegiana), F. Cescutti (Verzegnis), Ugo Scarsini (Illegiana), Lodovico Iob (Illegiana), M. Fior M. (Verzegnis). Qui sotto la compagine del 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/NfLEJDQ.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 13/06/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,20122 secondi