Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


ECCELLENZA - Marsilio, Bernardo, i play-off e... Lomuscio dice la sua

Il presidente del Tolmezzo interviene sui temi del momento: "Le dichiarazioni di Bernardo? Il mister si è fatto prendere la mano, abbiamo chiarito il nostro punto di vista con Gemonese e San Luigi. La salvezza? La squadra sta lavorando duramente, proveremo a non dover passare per i play-out anche se lo spiraglio è piccolo. L'assenza di convocati carnici nelle Rappresentative regionali? E' accaduto, i selezionatori hanno il diritto-dovere di scegliere in libertà"

 

Saggio, affabile, prudente e insieme appassionato, Claudio Lomuscio si conferma, nonostante i problemi di salute che lo costringono a donarsi con moderazione, punto di riferimento e di equilibrio del Tolmezzo, alle prese con una stagione tanto per cambiare non semplice. Il presidente è concentrato sul finale di campionato della squadra seniores, che insegue la riconferma nell'Eccellenza del calcio regionale, dove tutto fa pensare che i carnici dovranno affidarsi per la terza volta nelle ultime nove annate ai play-out per conquistare la salvezza. Lomuscio suona la carica: "Anche se lo spiraglio è piccolissimo, esiste ancora la possibilità di salvarci direttamente: provarci fino all'ultimo è doveroso, quindi ce la metteremo tutta per vincere le ultime due gare di campionato, ossia la trasferta a Tricesimo e il match interno con il Fontanafredda. Se non dovesse bastare affronteremo la gara di play-out con la convinzione che deriva dall'impegno profuso durante l'intera annata dai ragazzi, dai tecnici e dalla società. La squadra si sta allenando a pieni giri: questa settimana le sedute saranno quattro, nella prossima verranno svolti tre allenamenti. Ci faremo trovare pronti alla ripresa delle ostilità". 
Caso Marsilio: cosa avete deciso di fare dopo i sei mesi di squalifica inflitti al vostro difensore?
"Abbiamo già presentato il ricorso, per evitare in particolare che la società subisca le previste sanzioni amministrative in casi di comportamenti, posti in essere da propri tesserati, ritenuti violenti nei confronti degli ufficiali di gara. Nell'episodio in questione Marsilio ha avuto un comportamento sbagliato e poco rispettoso nei confronti dell'arbitro, ma non era certo mosso dalla volontà di far del male. Soprattutto, ci pare che la società non meriti punizioni aggiuntive, e non solo per le conseguenze a livello economico che rischiamo di subire, ma anche perché getterebbero un'ombra su una storia che ormai dura da 104 anni e che è sempre stata connotata da certi valori ai quali abbiamo cercato di non venire mai meno. Confidiamo che gli argomenti che porteremo davanti ai giudici sportivi risultino meritevoli di valutazione e accoglimento". 
Hanno creato parecchio clamore e reazioni forti le accuse con cui l'allenatore Sante Bernardo ha stigmatizzato i risultati maturati in queste ultime giornate di campionato. In proposito, cosa ne pensa?
"Bernardo è un bravo allenatore, ma non è altrettanto valido a livello diplomatico. La sua uscita è stata infelice, e così a nome della società mi sono scusato in particolare con i presidenti di San Luigi e Gemonese. Superato l'incidente, anche il sottoscritto è dell'idea che l'introduzione dei play-off aiuterebbe a sgombrare il campo da sospetti e cattivi pensieri, fermo restando che ritengo che nessuno vada mai in campo per perdere".
Presidente, siamo fuori dal Torneo delle Regioni nonostante squadre ben preparate e competitive. Non ritiene che alle nostre rappresentative siamo mancato un po' di sangue carnico?
"Non mi permetto di mettere in discussione le scelte compiute dai selezionatori, quindi non recepisco la sua provocazione. Certo, se parliamo di rappresentanza, dispiace che nessun ragazzo di qua sia stato chiamato a dare il suo contributo; vorrà dire che ci impegneremo ancora di più per portare giovani validi e preparati all'attenzione dei tecnici designati dal nostro Comitato regionale".

Alessandro Maganza

@RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/04/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,80224 secondi