Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


OLIMPIADI - L'Asu applaude comunque Alexandra

Agiurgiuculese eliminata nella prova individuale generale ma il Presidente Nutta e’ a fianco della sua farfalla: ce l ‘ha messa tutta ed ha comunque vissuto un’ esperienza unica

«Le Olimpiadi rappresentano l'appuntamento più importante per una ginnasta e Alexandra lo ha raggiunto. Già questo, di per sé, è un risultato per nulla scontato e per il quale lei, accompagnata da tutta l’Associazione Sportiva Udinese, ha lavorato molto. Non possiamo quindi che esserne fieri! Tutti sognano i cinque cerchi, ma solo pochi riescono a conquistare quel pass. Perciò, anche se la gara di Alex si è fermata qui, non possiamo che essere felici per lei, che ha vissuto un’esperienza senz’altro unica. Sappiamo bene quanto è stato complicato gestire il rinvio del Giochi, quante le difficoltà dovute all’isolamento e al lockdown, sappiamo anche che Alexandra non ha perso la sua determinazione e il suo entusiasmo e che ce l’ha messa tutta», ha precisato il presidente dell'Asu, Alessandro Nutta, commentando la mancata qualificazione alla finale di Tokyo per Alexandra Agiurgiuculese, della ginnastica ritmica. «Vorrei ringraziare tutto lo staff di Asu e in particolare le sue allenatrici, Spela Dragas e Magda Pigano, assieme alla coreografa Laura Miotti, che negli ultimi 10 anni hanno impegnato tempo ed energie credendo fermamente in Alexandra e nelle sue capacità. Doti innate, e coltivate con cura e perseveranza - ha ricordato Nutta -, che l’hanno portata a essere la ginnasta italiana, individualista, più titolata a livello internazionale nella storia della Federazione Ginnastica d'Italia, oltre che la prima italiana ad aver inventato una nuova difficoltà corporea, il salto “Ag”. Resta quindi l’orgoglio da parte nostra per aver dato tutto il possibile per aiutarla a raggiungere il suo sogno, oltre l’emozione per aver potuto tifare per ben due tesserate Asu, protagoniste alle Olimpiadi», Alexandra e Mara Navarria, «un sentimento reso ancora più intenso dal momento storico in cui ci troviamo».


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/08/2021
 

Altri articoli dalla provincia...









SCI - Della Mea, ancora una delusione

Un’altra giornata storta per Lara Della Mea, la sciatrice tarvisiana (23 anni il prossimo 10 gennaio) alla ricerca - oltre che di se stessa, dopo il grave infortunio al ginocchio capitatole il 17 febbrai...leggi
04/01/2022


SCI - Pramollo pronto per un grande 2022

Sembrano guidati da una regia perfetta il finale d’anno e l’inizio del 2022 sulla neve di Pramollo.Il comprensorio a cavallo tra Italia e Austria - noto per beneficiare, grazie alla sua posizione a sud delle ...leggi
30/12/2021

BASKET A2 - Sette positivi, Apu in quarantena

Apu di nuovo sotto scacco. Non certo in campionato, dove la formazione del presidente Pedone sta distribuendo schiaffoni a destra e a manca a quasi tutte le malcapitate avversarie. In questi t...leggi
28/12/2021







Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,15983 secondi