Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


PRIMA B - Gol annullato: il Santamaria non ci sta

Con il Venzone finisce pari. Ma il risultato è inficiato da un grave errore arbitrale. Il ds Vida: “Abbiamo le nostre colpe e non siamo ancora al top. Come si fa, però, a non convalidare una rete scaturita da cross dal fondo?”

Il Santamaria – appena sceso dalla Promozione - non ha iniziato con il piede giusto il suo campionato di Prima. Dove due anni fa mise clamorosamente in fila la concorrenza. Oltre all’onesto mea culpa per un rendimento rivedibile, però, oggi qualcuno dell’ambiente vuole sottolineare un fischio stonato. Costato, con ogni probabilità il bottino pieno alla formazione di Stefano Chiarandini. Che ha invece chiuso 1 - 1 contro un buon Venzone.

“Noi ci prendiamo le nostre colpe, perchè non vogliamo cercare alibi e il lamento non fa parte della nostra filosofia - attacca il ds Marco Vida – ma, quello che è successo nella partita odierna, merita di essere segnalato. Con tranquillità, ma anche con fermezza”.

Scendiamo nello specifico.
“Al 90’ ci è stato annullato un gol, quello del possibile 2 – 1, in maniera inspiegabile. Sul cross dal fondo di Argante, Cossa, in tap in, l’ha messa dentro: ma, con grande sorpresa, non solo nostra, la direttrice di gara De Rosa di Tolmezzo, ha decretato il fuorigioco. Su passaggio dal fondo? Non mi era mai capitato”.

Restano il punto e l’amarezza.
“Tanta. Perché, nella nostra situazione attuale, un successo ci avrebbe consentito di essere più sereni, recuperare un pò di ottimismo e qualche posizione in classifica. Gli episodi, a volte, possono anche cambiare il corso di una stagione”.

I motivi di un Santamaria zoppicante?
“A mio avviso abbiamo perso qualità in mezzo. Negli ultimi due anni, infatti, se ne sono andati i vari Nin, Baldo, Bidut e Mocchiutti. Davanti, invece, siamo ben attrezzati: ma le nostre punte hanno anche bisogno di essere innescate”.

Il mister è sempre motivato?
“Chiarandini è ormai uno dei nostri, è rimasto per portare a compimento un percorso. Che prevede il mantenimento della categoria e un’ulteriore crescita, non solo di campo. Quanto prima, infatti, inizieremo i lavori di miglioramento delle strutture”. (rozan)



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/10/2018
 

Altri articoli dalla provincia...





L'EVENTO - Sandrin, il "Comuzzi" è tuo

La sezione udinese dell'Aiac (Associazione Italiana Allenatori di Calcio), presieduta da Giovanni Tortolo, ha voluto presentare - per la prima volta - a media, consiglie...leggi
14/12/2018





























Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,86218 secondi