Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SECONDA C - Fiumicello, il pari al 95' è amaro per Radolli

Gara da subito in salita per i gialloverdi, la ribaltano e in superiorità numerica, in pieno recupero subiscono il pareggio. Fortezza rimasta inespugnata, il condottiero gradiscano fa mea culpa: “Avrei dovuto leggere meglio alcune situazioni”

Sette è il numero della completezza, della perfezione, ma al Fiumicello è mancato un tassello per arrivarci. È mancata la settima vittoria consecutiva, sfumata al minuto 95 di sabato al campo San Valeriano di Gradisca. I gialloverdi di mister Alessandro Radolli, guarda caso residente proprio a Gradisca, non sono riusciti ad espugnare la Fortezza e, subire il pareggio su rigore in superiorità numerica, lascia davvero l’amaro in bocca.

“Dopo sei vittorie consecutive non è arrivata la settima, avrebbe permesso alla mia squadra di stare in solitaria al primo posto in classifica, in attesa dei recuperi. Mi assumo le responsabilità di non aver portato a casa i 3 punti – confessa il tecnico -, avrei dovuto leggere meglio alcune situazioni. Sono rammaricato per i miei ragazzi, sono encomiabili per l’impegno e la voglia che stanno dimostrando in questo campionato. Abbiamo avuto una settimana difficile, per un motivo o per l’altro non si era allenato nemmeno un centrocampista. Di conseguenza ero preoccupato per la sfida che ci attendeva a Gradisca, contro una squadra disposta con il 3-5-2 e che fa della forza fisica le sue virtù, e su un campo pesante potevano trarne ulteriore vantaggio”.

Riavvolge il film della gara il mister e ricorda la partenza in salita dei suoi ragazzi: “Dopo aver preso un gol a freddo a pochi minuti dall’inizio ed aver accusato il colpo nel primo tempo, siamo rientrati nel secondo con altre intenzioni, e nonostante un campo al limite della praticabilità, siamo riusciti a giocare molto bene ribaltando la partita. Ci è mancato il colpo del ko, dell’1-3. Poi all’ultimo secondo subire il rigore del pareggio brucia tantissimo. Fosse successo almeno 7/8 minuti prima avremmo almeno avuto in po’ di tempo per provare a vincerla. Smaltita la delusione, da domani riprenderemo gli allenamenti con ancor più entusiasmo e carica in virtù delle prossime gare, due scontri diretti con Morsano e Pocenia”. (f.p.)


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 18/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01691 secondi