Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


MUFFATO - Mezzo rigore, un salvataggio e quel ricordo così speciale

Il difensore della Pro Cervignano riavvolge il nastro della partita vinta al “Forgiarini”. Sulle proteste della Gemonese: “Era un penalty dubbio, poteva starci come no”. Sono passati 17 anni ma “conquistare il titolo nazionale Juniores è stato qualcosa di straordinario per il Tolmezzo, la Carnia e tutti noi"

Ad Osoppo, al termine della gara tra Gemonese e Pro Cervignano, vinta dagli ospiti per 1-0 fra le animate proteste dei padroni di casa per un presunto rigore non concesso dall'arbitro nei minuti finali, abbiamo sentito Gianluca Muffato e gli abbiamo chiesto un parere sulla partita: "Per quanto riguarda il risultato sicuramente per noi è un'ottima vittoria, che per la verità mancava da un po' di tempo, quindi una boccata d'ossigeno che ci permette comunque di mantenere una buona classifica e di restare al riparo rispetto alle zone pericolose e, perchè no, di guardare a delle posizioni un po' più ambiziose. Per quanto riguarda l'azione del presunto rigore, c'è stato un incrocio tra me e la punta della Gemonese, ho cercato di evitare il contatto, lui lo ha un po' cercato, ci siamo anche toccati. Era un rigore dubbio, poteva starci come no”.

Sei poi intervenuto, in un'azione successiva, salvando un gol su una palla finita sul palo e l'hai rinviata... 
"Poco dopo c'è stata una palla lunga, l'attaccante avversario ha anticipato il portiere con una palombella, è schizzata in avanti verso il palo, poi sono intervenuto e sono riuscito per fortuna ad evitare il pareggio, anticipando gli attaccanti gemonesi".

La partita è terminata con la vostra vittoria: vi siete dimostrati più squadra, si è visto qualcosa di più da parte del Cervignano. Il risultato per te è meritato? 
"E' stata una partita combattuta, su un campo non facile perchè ai limiti della praticabilità. Noi cerchiamo sempre di praticare un certo tipo di calcio ed oggi era un po' più difficile, sapevamo che la partita poteva venir decisa da un episodio, come è stato. Diciamo che la gara poteva terminare anche con un pareggio, anche se noi, dopo il gol, abbiamo legittimato la vittoria rischiando di raddoppiare, ma anche di subire il gol del pareggio. Dal mio punto di vista la vittoria ci sta". 

Cambiando completamente argomento, passando a qualche anno fa, nel 2003 il sottoscritto era dirigente del Tolmezzo e tu giocavi nel Tolmezzo, sia in prima squadra che nella Juniores, e con essa abbiamo fatto una cavalcata memorabile, fino a conquistare il titolo tricolore di categoria, una cosa veramente irripetibile. Ti chiedo un ricordo di quel momento, di quel periodo.
"Parliamo purtroppo più di qualche anno fa, ne son passati ben 17. E’ stata una cosa storica per tutti i giocatori, per tutti i dirigenti, per tutta la gente della Carnia dell'epoca. E’ un ricordo stupendo perchè abbiamo fatto una cavalcata unica, veramente una cosa eccezionale, andando a vincere la finale con un sacco di gente al seguito, ai tempi supplementari. Nonostante sia passato tanto tempo resta assolutamente un ricordo unico".

 Andrea Citran


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/01/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03806 secondi