Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE B - Che tonfi. Ma erano pronosticabili

Solo il Maccan esce a testa alta con i tre punti e con solo due allenamenti sulle gambe. Cala il poker l’Altamarca a Pordenone, sconfitta in doppia cifra per Udine City e Maniago. Travolto anche il Palmanova a Verona. Cade pure il Giorgione e il Rovereto si salva matematicamente. Belluno incalza in zona play-off



Giornata da archiviare in tutta fretta per le regionali in serie B di calcio a 5, si salva dal naufragio totale solo il Maccan Prata che, al rientro in campo dopo 20 giorni di stop forzato, regola 4-2 il Miti Vicinalis e può continuare a credere nei play off visto che il Pordenone viene superato in casa 1-4 dall'Altamarca e la sfida tra Canottieri Belluno e Sedico temrina in parità. Per il resto un "pianto greco" con 3 secche sconfitte per City, Maniago e Palmanova.

Niente da fare dunque per il Pordenone che incassa la quarta sconfitta di fila, la capolista Altamarca ha una marcia in più e sente il profumo di serie A2 dopo l'ottima prestazione al PalaFlora. Squadra presa per mano da Baron che con 2 reti nel primo tempo ed una a metà ripresa incanala la gara sui binari veneti, il poker lo serve Aik Cheik mentre la rete della bandiera neroverde è a firma di Koren.
Pordenone tiene il quinto posto ma è incalzato dal Belluno che nel derby impatta 2-2 con il Sedico in quale, invece, con questo risultato consolida la quarta piazza. Gara equilibrata alla Spes Arena, per i padroni di casa Dal Farra e un'autorete a referto mentre per il Sedico le marcature sono di Focosi e Storti, risultato che alla fine accontenta entrambe in vista dello sprint finale. 

Bella vittoria per il Maccan Prata con il Miti Vicinalis, la squadra di Sbisà, seppur in ritardo con gli allenamenti, gioca un'ottima gara contro il trevigiani, va al riposo avanti con la staffilata di Stendler, subisce dopo un minuto nella ripresa il pari di Zecchinello, ma in un minuto a metà tempo rifila 3 ganci al Miti mandandolo al tappeto con la doppietta di Camilla ed il gol di Stendler. Alla fine arriva il gol per le statistiche di Genovese per gli ospiti.

Senza storia la sfida tra Udine City e Chiuppano, in vantaggio ci va ad onor del vero la squadra di Pittini con una bella ripartenza di Chtoui copo pochi minuti, ma è il classico canto del cigno, il Chiuppano avanza il baricentro ed il ritmo ed al riposo la partita può dirsi chiusa con un parziale di 0-6. Nella ripresa i vicentini fanno accademia risparmiando forze per la super sfida di sabato col Verona. Per il Chiuppano l'1-10 finale porta la firma di Lari (3), Liberti (2), Juan Fran, Pedrinho, Del Mello, Misha ed un'autorete di Chtoui.

Sconfitta secca anche il Palmanova, 9-2 a Verona, la squadra di Criscuolo ha la mente rivolta al match di sabato col Rovereto oltre al divario tecnico più che evidente. Per gli scaligeri  poker di Amoroso, doppiette di Manzali, Donin e rete di Dal Corso; negli amaranto ultimi ad arrendersi Langella e Bearzi.
Buone notizie comunque per il Palmanova arrivano da Castelfranco dove il Giorgione cade per opera del Rovereto, trentini salvi anche per la matematica con il poker  rifilato ai trevigiani a firma di Mofakir,Tonini, Frisenna e Marisa, rete della bandiera locale di Torres. I veneti restano dunque a +4 dal Palmanova.

Passo avanti chiave salvezza invece del Cornedo che strapazza solo nel finale un coraggioso Maniago;  biancoverdi avanti 1-2 al 9' per merito di Kovacic e Rosset intervallati dal temporaneo pareggio di Degeneri. Poi però sul finire del primo tempo Cornedo mette la freccia con Peretto e Filippin per il 3-2 del riposo. Prova ad allungare dopo 1' della ripresa Cornedo con la zampata di Gonella a cui replica subito Kovacic timbrando il 4-3;  diagonale vincente di Boscaro al 3' per il 5-3 ma Maniago ha ancora cartucce da sparare e Kovacic al 5' trasforma con freddezza un penalty per il 5-4. Ultimo acuto dei biancoverdi che nella seconda parte della ripresa si sciolgono davanti ad un Gonella sontuoso, 3 reti in 3 minuti per l'attaccante del Cornedo che all'11' sigla l'8-4 che di fatto mette in ghiaccio la gara. Nel finale altre due reti di Filippin ed una di Brancher per il Cornedo e la terza personale di Kovacic sul fronte opposto per l'11-5 finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/03/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10113 secondi