Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


COPPA ITALIA - Il Maccan perde la finale ai rigori

I gialloneri di Sbisà si inchinano 7-5, al termine di una avvincente sfida, ai romani dello Sporting Hornets...


MACCAN C5 - SPORTING HORNETS 5-7 dcr 
Gol: 5’ Spatafora (M), 6’ Faziani (H), 17’ Di Tata (H). Nella ripresa, 1’ Di Tata (H), 2’ Eric (M), 16’ Lari (M). Primo tempo supplementare: 3’ Del Piero (M). Secondo tempo supplementare: 1’ Filipponi D. (H).

MACCAN PRATA C5: Boin, Martinez, Genovese, Marcio, Biancato, Del Piero, Spatafora, Imamovic, Zecchinello, Verdicchio, Lari. All: Sbisà.

SPORTING HORNETS: Filipponi R., Pochesci, Stoccarda, Lancellotti, Di Tata, Lupinella, Mejuto, Faziani, Filipponi D., Vicalvi, Nudo, Lanzillotta. All: Zaccardi.

ARBITRI: Arbitri: Simone, Bontorin. Cronometrista: Fiorentino.

NOTE - Ammoniti Biancato (M), Filipponi (H), Zaccardi (H), Lanzillotta (H), Genovese (M), Eric (M), Spatafora (M), Martinez (M), Stoccada (H).

È un gran giorno per i gialloneri, con l’opportunità di chiudere un doblete storico per i colori del Maccan Prata. Contro gli Hornets il tecnico Marco Sbisà ripropone lo stesso quintetto della semifinale con Verdicchio tra i pali, Imamovic, Eric, Marcio e Spatafora.
Il match comincia subito a ritmi alti con Imamovic pericoloso nei pressi della porta capitolina e bisogna attendere il 5’ perchè il risultato si sblocchi. Il capolavoro lo perfeziona capitan Spatafora. Prima chiude in scivolata la discesa dello Sporting, poi segue lo sviluppo dell’azione orchestrata da Eric sulla sinistra, chiudendo sull’assist del verdeoro con una conclusione potente sotto il sette.
I gialloneri si godono la gioia del vantaggio per appena 60”. Faziani scende sulla sinistra e incrocia per la rete del pari.
I ragazzi di Sbisà non si scompongono e continuano a gestire possesso palla e creare, ma appena calano di intensità gli Hornets si fanno pericolosi, così Verdicchio si deve superare su tre conclusioni pericolosissime. Rispondono Eric e Genovese, ma se sul tiro del 10 la palla esce facendo la barba alla traversa, sul mancino del laterale, ci mette una pezza Lupinella.
La freschezza dei ragazzi di Zaccardi si fa sentire negli ultimi 5’ della frazione, con Verdicchio grande protagonista in diverse occasioni ma impotente sullo schema da corner che libera Di Tata per il tap-in vincente, che vale il 2-1 dei romani all’intervallo.

Ripresa subito pirotecnica con Di Tata che sigla immediatamente la doppietta del 3-1 dopo appena 50”, ed Eric a rispondere al 2’ con una discesa centrale che trasforma piazzando la palla all’angolino. Le squadre giocano a viso aperto per tutta la prima parte della frazione, con i gialloneri che non riescono a trovare concretezza sotto porta.
A 7’ dalla fine Pippo Lari trova un doppio guizzo, che però Lupinella disinnesca in corner. I gialloneri guadagnano fiducia e poco dopo si fanno pericolosi con Marcio, diventando i padroni dell’incontro in questo frangente. Le occasioni fioccano, sino al pareggio di Lari a 4’45” dalla sirena finale. Schema da rimessa con Eric a servire il capocannoniere del Maccan per il 3-3.
Gli Hornets accusano il colpo e i ragazzi di Sbisà vanno vicini al vantaggio in due occasioni. I laziali respirano grazie ad una punizione, dal limite, con la deviazione di Verdicchio che indirizza la palla sul palo. 
Sono due minuti tutto d’un fiato, vissuti di intensità e vietati ai cuori forti, con la possibile palla match sui piedi di Marcio appena dopo la sirena.

Comincia il supplementare con un super Verdicchio a salvare in spaccata un tiro velenoso indirizzato all’angolino basso. Dopo lo spavento iniziale è un super Maccan, con Marcio e Zecchinello sugli scudi, sino alla zampata vincente di Del Piero, che a metà del primo extratime riporta avanti il Maccan con i gialloneri in controllo di gioco e occasioni.
La ripresa dei supplementari vede ancora Verdicchio protagonista nel mettere in angolo, ma sugli sviluppi dello stesso non può nulla con Filipponi a impattare ancora un match che sembra essere una storia infinita. Le squadre faticano a creare con la stanchezza che prende il sopravvento su lucidità e giocate e l’arrivo dei  rigori che rappresentano il più bel regalo per il pubblico presente, dopo 50’ di grande equilibrio.

La lotteria dei penalty premia gli Hornets, con i gialloneri che dopo il primo centro di Lari, non riescono più a segnare, mentre i capitolini vanno a bersaglio con Stoccarda, Lanzillotta e Mejuto.
Una due giorni di grande valore tecnico, tattico e caratteriale per i gialloneri, che si sono dovuti arrendere solamente all’ultimo respiro al sogno di alzare la Coppa Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 31/03/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



SERIE A2 ELITE - Pordenone alla ricerca dell'impresa promozione

Servirà una vera e propria impresa ai neroverdi per riaccendere la fiammella che significherebbe finale playoff. Il Pordenone dovrà ribaltare il pesante verdetto di Cagliari cercando una vittoria rotonda con almeno 3 gol di scarto. Difficile ma non impossibile, all’andata terminò 4-1 per la L...leggi
22/05/2024
















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13147 secondi