Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


ECCELLENZA - Il Fontanafredda respira. Peruch: "Vittoria importante"

Il portiere rossonero analizza il colpaccio messo a segno a Lignano: "Abbiamo cercato di mettere in pratica quanto richiesto dal neo mister Morandin"



Nuovo corso a Fontanafredda con l’arrivo in panchina di mister Graziano Morandin, che conquista subito la prima vittoria esterna sul campo del Lignano (1-2). Il fanalino di coda dell’Eccellenza - non certo elegante per la blasonata squadra della Destra Tagliamento - passa, dunque, in mano al Kras.
Uno tra i più esperti giocatori di questo Fontanafredda, il portiere Luca Peruch analizza la gara di Lignano: “Da parte nostra c’era un po’ di curiosità dopo il cambio dell’allenatore, nel vedere i frutti dei primi allenamenti. Sostanzialmente abbiamo provato a mettere in pratica quanto richiestoci dal mister in settimana, ossia squadra molto corta, pressing alto per cercare di non far giocare gli avversari ed è andata bene. Rischiando un po’ troppo nel finale pur con il Lignano in dieci, son arrivati questi benedetti tre punti, assenti da molto tempo dandoci un’importante boccata d’ossigeno”.
Un inizio di campionato frenato per il Fontanafredda e ora però la coda è stata rimescolata: “Probabilmente in questa fase iniziale abbiamo sofferto i tanti cambiamenti nel gruppo, snaturato rispetto alla scorsa stagione con inserimenti di giocatori chi più, chi meno esperti dovendo di conseguenza ricominciare daccapo e ciò non ci ha facilitato. In più c’è da dire che finora in casa, nostro usuale punto di forza, abbiamo affrontato – puntualizza il portiere - sempre le prime della classe senza mai aver avuto possibilità di confrontarci con i nostri pari classifica. Poi ci mettiamo pure un po’ di inesperienza e un pizzico di sfortuna, tante partite perse all’ultimo minuto affatto demeritando, tutt’altro. Purtroppo ne ha pagato le conseguenze il mister Stoico pur rimanendo dell’idea che se sbagli un gol a un metro dalla porta non vedo quali colpe possono venir attribuite al mister. Comunque ora abbiamo ripreso a camminare e domenica con la Pro Gorizia sarà uno scontro Davide contro Golia ma vedremo di rubacchiare qualche punto se possibile”.
Luca Peruch ha iniziato la stagione con un infortunio. “Ho saltato il primo mese dopo la preparazione per uno strappo  muscolare e ciò non mi ha facilitato rimanendo fermo cos’ tanto tempo, ora sono a disposizione, sto bene sia fisicamente sia mentalmente e credo di poter dare il mio contributo”.
Guardando un po’ in giro, sembra essere questo l’anno del San Luigi: “Ho molti amici nel San Luigi e in loro rivedo il Chions dell’anno scorso. Come rosa sono meno forti ma sono molto più quadrati. Subiscono pochissimi gol, vincendo anche solo 1-0. E’ una squadra molto attenta ai piccoli dettagli e hanno, secondo me, tutte le carte in regola per arrivare sino in fondo. Chi ha deluso finora? Sicuramente il Fontanafredda ovvio, visti nomi possiamo e dobbiamo fare molto di più. Un’altra squadra che sta deludendo tanto è il Lumignacco e vista la stagione scorsa, mi sarei aspettato di vederli a combattere lassù con il San Luigi ma speriamo che il campionato si possa riaprire al più presto per un maggior interesse. Come sorpresa propendo per la Pro Gorizia, nonostante la loro rosa non mi aspettavo una partenza con questo sprint. Domenica l’ospitiamo ed è una squadra molto devota all’attacco, la difesa è imperniata su due pilastri, uno è Piscopo ex capitano della Triestina. Come nomi non hanno nulla da invidiare alle altre, ma noi dobbiamo fare punti e non faremo certo sconti, vogliamo continuare a vincere magari se la fortuna ci guadasse un po’. Armi per fermare i goriziani saranno lo spirito di sacrificio, l’organizzazione tattica e tantissima voglia e spesso in questa difficile categoria la differenza arriva proprio dal sacrificio e l’aiuto fra i compagni in campo”.  



 

https://i.imgur.com/Y8SahR8.jpg

https://i.imgur.com/FyFz3dR.jpg

 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/11/2018
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,88978 secondi