Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SERIE A - L'Udinese ritorna a vincere

Ad Empoli la formazione di Sottil festeggia finalmente il successo: dopo una serie zoppicante (quattro pareggi e due sconfitte) una rete di Becao, al 9’ della ripresa, consegna ai bianconeri i tre punti. E per la seconda giornata consecutiva Silvestri rimane imbattuto

 

EMPOLI – UDINESE   0 - 1
Gol:
9’ st Becao

EMPOLI: Perisan, Stojanovic (45’ st Grassi), Ismajili, Luperto, Parisi (27’ st Cacace), Akpa Akpro, Marin (27’ st Pjaca), Bandinelli (4’ st Fazzini), Baldanzi (45’ st Haas), Caputo, Satriano. A disposizione: Ujkani, Stubljar, Walukiewicz, De Winter, Henderson, Degli Innocenti, Ebuehi, Tonelli, Vignato, Bucancil. Allenatore: Zanetti.

UDINESE: Silvestri, Becao, Bijol, Perez, Ehizibue (32’ st Ebosele), Pereyra (42’ st Samardzic), Walace, Lovric (35’ st Arslan), Udogie, Beto, Success (42’ st Thauvin). A disposizione: Padelli, Piana, Zeegelaar, Abankwah, Pafundi. Allenatore: Sottil.

ARBITRO: Cosso di Reggio Calabria. Assistenti: Rocca e Raspolini. Quarto uomo: Marchetti. Var: Di Martino. Avar: Di Paolo.

NOTE: giornata parzialmente soleggiata, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Luperto, Fazzini, Becao, Bijol, Lovric, Beto. Angoli: 11 - 5 per l’ Empoli. Recupero: 3’ + 7’.

EMPOLI. Clamoroso al “Castellani” di Empoli: l’Udinese torna a gustare il sapore sapido e totale dei tre punti. La squadra ammalata di “pareggite” (11 in totale) magari non incanta, non fa innamorare, ma ottiene quello che cercava. Grazie ad un unico, pesantissimo golletto: timbrato dalla fisicità di Becao in “collaborazione “ - deviazione di spalla - con Luperto. E’ la seconda vittoria del 2023, ottenuta ancora in trasferta (come a Genova, sponda Samp, quando sali al proscenio Ehizibue): un successo legittimo, impastato di mestiere, controllo dei ritmi, di occasioni create e sofferenza (ma non troppa). E per la seconda volta consecutiva Silvestri può andare sotto la doccia immacolato. Il nuovo obbiettivo? Tornare a gioire in casa: e sabato prossimo, a Udine, arriva il Milan

LA CRONACA. Come a Monza c’è ancora Perisan a difendere la porta dell’ Empoli (Vicario è sempre ai box causa infortunio), mentre l’ Udinese ripresenta quasi lo stesso schieramento di Bergamo, con Ehizibue e Pereyra uniche varianti, rispettivamente a destra e nel cuore del gioco. E’ subito pericolosa la banda Zanetti che, al 2’, si procura un piazzato dal limite per fallo su Baldanzi:  l’esecuzione di Marin, deviata, termina in corner. La replica è affidata ad Ehizibue, il cui incrocio con Parisi – a cavallo della linea dell’area di rigore - viene archiviato da Cosso tra gli interventi non punibili. Dopo due brividi (leggi palle perse in uscita) senza conseguenze targati Becao e Bijol, al 22’ lo stesso centrale sloveno anticipa Perisan sulla parabola proveniente dalla bandierina senza, però, centrare il bersaglio. Al 24’, invece Udogie, pescato da un perfetto cambio di campo, si beve Stojanovic e la indirizza a rete. Persian è battuto, ma Parisi salva nei pressi della linea. Digerito senza danni l’ennesimo errato disimpegno in retrovia, i bianconeri ritornano ad offendere e al 30’ Lovric innesca Becao: anche questo colpo di testa, però, è fuori misura. Sempre per vie aeree, la formazione friulana, al 34’: Pereyra invita Success che la sbuccia a lato. Al 39’ gigantesca palla gol a favore dell’ Empoli: sulla craniata di Satriano “miracoleggia” Silvestri mentre, sulla possibile ribattuta, Caputo sventa la…minaccia calciando di interno lontano dalla meta. L’ultimo guizzo del tempo è di Success al 40’: tutto bene, tranne la conclusione mancina. E scusate se è poco.

Riparte da dove aveva finito, l’ Udinese: al 3’ e all’8’ Lovric va al tiro, sempre con il destro, ma senza fortuna. Al 9’, però, è tempo di festeggiare: dalla bandierina è sempre Lovric a dipingere per Becao, che domina l’area. La testata, “perfezionata” dalla spalla di Luperto, beffa Perisan. Si scuote allora l’Empoli e al al 12’ Baldanzi “avvisa” Silvestri. Al 16’ una punizione laterale di Marin viene deviata con i pugni dal portiere bianconero. Ancora Baldanzi, al 18’, apparecchia e libera il mancino: sfera deviata in angolo. Un minuto dopo, una manovra ben articolata dei padroni di casa manda al tiro Luperto: sfera altissima. Al 29’ l’ultima “puntura” di giornata ad opera di Baldanzi: Silvestri respinge di piede. Sottil manda allora in campo Ebosele per Ehizibue e al 34’ l’Udinese potrebbe chiuderla, evitando supplementi di ansia. Udogie si libera in area ma, invece di piazzarla rasoterra con il destro, sceglie la mezz’altezza consentendo a Perisan di abbassare la saracinesca. Le ultime opzioni (Arslan, Samardzic e Thauvin) servono ad anestetizzare gli ultimi scampoli di partita. Con discreta facilità: l’Empoli non ne ha più e l’Udinese arriva in porto senza danni.

LE PAGELLE. Silvestri 7, Becao 6,5, Bijol 6,5, Perez 6,5, Ehizibue 6, Pereyra 6, Walace 6, Lovric 6,5, Udogie 6,5, Beto 6, Success 6, Ebosele 6, Arslan sv, Thauvin sv, Samardzic sv. Allenatore: Sottil 6,5. (r.z.)

Foto: fonte pagina fb Udinese.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/03/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10659 secondi