Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ISM - Si riparte da un nuovo responsabile dell'area tecnica

Assorbito il colpo della retrocessione in Prima categoria, la società gradiscana affuda a Roberto Moretti, già responsabile del vivaio, anche l'incarico di dirigere la prima squadra. Massima fiducia dal presidente Tonon e dal main sponsor Sangiovanni: "L'uomo giusto come collante tra giovanili e prima squadra". Ora via alla ricerca del nuovo tecnico



La botta della retrocessione in Prima categoria, punto più basso degli ultimi 34 anni toccato proprio nell'anno del centenario dell'Itala, avrebbe potuto abbattere chiunque. Ma assorbita in qualche modo la pesante amarezza, all'ISM Gradisca c'è gran voglia di ripartire, di rimettere le basi per un progetto duraturo.
I concetti sono emersi nel corso di un consiglio direttivo del club, che ha preso atto - con sollievo - della volontà di proseguire da parte dei due principali dirigenti, Franco Tonon (presidente) ed Antonio Sangiovanni (vicepresidente e main sponsor). I vertici dell'Itala San Marco hanno proposto e ottenuto un allargamento del consiglio direttivo, in particolare con l'ampliamento delle funzioni di Roberto Moretti. Al responsabile del vivaio biancoblu è stato chiesto di occuparsi anche della prima squadra, diventando dunque responsabile dell'intera area tecnica. Moretti si muoverà in coordinamento con lo storico direttore generale dell'ISM, Eros Luxich, e sarà affiancato nell'attività del settore giovanile da un nuovo arrivo, Felice Di Bernardo, ex dirigente di Fortezza e Pieris, che assume un ruolo di coordinatore delle attività relative al vivaio. Nel direttivo non sono da escludere ancora un paio di nuovi ingressi di peso nelle prossime settimane.

"La scelta di Roberto Moretti non è casuale - spiegano Tonon e Sangiovanni - È con noi da 5 anni e ha centrato numerosi obiettivi a livello di settore giovanile: dapprima ricostruendolo praticamente da zero, poi ottenendo ottimi risultati che hanno permesso all'ISM Gradisca di disputare le categorie regionali. Vogliamo un vivaio sempre più legato alla prima squadra, se possibile "producendoci" in casa i giocatori. Non è stato facile digerire la retrocessione nell'anno del centenario. Ma ora siamo pronti a dare un segnale forte, soprattutto a quanti ci hanno dati per morti più volte. C'è tanta voglia di riscatto e di costruire un gruppo coeso".

Moretti, corteggiato in tutta la regione, accetta la sfida. "Da tempo mi dedicavo solamente al settore giovanile, ma la missione  che mi propone l'Itala San Marco è stimolante. Credo non si possa prescindere da uno stretto rapporto fra vivaio e prima squadra, per arrivare a una sorta di "autosufficienza" tecnica che consente di abbattere i costi in periodi economicamente così complicati".
Ora, impostata la ripartenza, Moretti e Luxich intraprenderanno i colloqui con i giocatori già in organico per iniziare a costruire la squadra della stagione sportiva 2019-2020. E contemporaneamente parte la caccia al nuovo tecnico. I quadri del settore giovanile, che in questi giorni i gode l'ottimo comportamento degli Under 17 vincitori del Torneo"Vitale" (terzi invece gli Under 15 al "Campi") sono completati da Emanuele Cozzutto e Luca Petean, che curano invece l'attività di base, relativa ai bambini più piccoli. Al via dal 1 al 6 luglio il Camp del centenario dell'ISM Gradisca, che al "Colaussi" ospiterà bambini e ragazzi delle annate dal 2006 al 2013.




Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/06/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01924 secondi