Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


TORRE - Manzon: torno a casa, scelta di cuore

Il portiere torna nel suo quartiere natale: "Quando ho ricevuto la chiamata di Schiavo non ho avuto dubbi"


Acquisto importante per il Torre che riporta a casa l'estremo difensore Elias Manzon, proveniente dal F.I.P. Villanova. Fondamentale per il trasferimento è stato il lato sentimentale, che farà tornare il portiere nel suo quartiere natale, laddove ha conquistato una storica doppietta con il condottiero Michele Giordano, che dopo undici anni è ancora seduto sulla panchina viola.

RITORNO - "Ho iniziato qui a giocare da giovanissimo, ho fatto tutta la trafila dai Giovanissimi alla Prima squadra con Michele Giordano il famoso anno della doppietta con la vittoria di Campionato e Coppa. Abbiamo fatto la storia, soprattutto se pensiamo che si tratta di un piccolo quartiere di Pordenone".

CARRIERA - "Dopo l'inizio a Torre sono passato all'Union Rorai, quindi San Quirino e poi Villanova in cui abbiamo vinto tutto in Seconda mentre quest'anno siamo arrivati secondi ad un punto dalla capolista".

DECISIONE - "E' stata una scelta di cuore. Dopo esser stato contattato da Claudio Schiavo non ho avuto dubbi e sono stato contentissimo di questa opportunità. A Villanova lascio tanto perchè mi sono trovato bene fin da subito ma al cuor non si comanda, qui ho vissuto gli anni più felici della mia vita".

TORRE - "E' un ambiente speciale, si sta proprio bene. Per me è un ritorno a casa quindi figuriamoci, avrei potuto rifiutare qualsiasi altre squadra ma al Torre non avrei mai potuto dire di no".

VILLANOVA - "Sicuramente l'addio del direttore sportivo Alberto Turrin e di mister Cristian Cocozza ha messo in difficoltà non solo me ma anche altri miei compagni. Il progetto dietro continua ad esserci ma sorgono un po' di dubbi. Ripeto che la mia scelta è stata solo di cuore ma per gli altri può aver influito".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 29/06/2020
 

Altri articoli dalla provincia...











CASARSA - Il primo botto è Paciulli

Il colpo grosso non è quello di Umberto Smaila bensì il più recente e di tutt’altra caratteristica messo a segno da Joseph Fogolin, attuale direttore sportivo del Casarsa...leggi
21/06/2020

V. RAUSCEDO - Telha: cerco squadre ambiziose

Valigie in mano per il talentuoso esterno alto Francesco Telha, che dopo sei anni al Vivai Rauscedo, conditi da una promozione, è in cerca di nuovi stimoli e perchè no, un esordio in ...leggi
17/06/2020







Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,35934 secondi