Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


OL3 - Castagnaviz: raccolgo un'eredità importante

Il nuovo tecnico della formazione Juniores subentra alla guida di un gruppo importante, che ha solo bisogno di sbocciare definitivamente: "Ce la metterò tutta per far bene"



Claudio Castagnaviz inizia la nuova avventura alla guida della Juniores dell'Ol3, raccogliendo il testimone di Gabriele Gorenszach che passa in prima squadra. Tanto lavoro da fare in un gruppo importante, che attende la consacrazione: "Riprendiamo con la speranza di poter cominciare come si deve a far calcio vero, con un gruppo di ragazzi di livello alto e sul quale la società conta tantissimo per il presente ma ovviamente soprattutto per il futuro".

STOP - "C'è del rammarico perchè stavamo andando bene. Purtroppo abbiamo chiuso il campionato con una sconfitta contro il Donatello, ma pesava l'assenza di ben sette nostri titolari. Avrei voluto giocarmela fino alla fine perchè avevamo già conquistato la salvezza e la squadra era cresciuta molto, giocandosela alla pari con tutti".

JUNIORES - "Raccolgo un'eredità importante perchè vengono da due annate strepitose, con il mister che si è meritato la promozione in prima squadra. Ce la metterò tutta per far bene".

CARRIERA - "Ho fatto quattro anni all'Udinese, in cui ho allenato gli Allievi Regionali e Nazionali, la Primavera ed i Giovanissimi Regionali. A seguire sono andato all'Itala San Marco dove sono arrivati alla Beretti, ottenendo ottimi risultati con la Juniores. Sono stato anche a Sacile dove ho vinto due o tre campionati. Il fatto che mi lusinga è aver portato l'Ol3 negli Allievi Elite con un gruppo davvero contato".

OBIETTIVI - "Crescita di mentalità, tecnica, fisica ed atletica. Devono avere il desiderio di migliorarsi sempre e rubare il posto in prima squadra ai loro compagni più grandi. Bisogna ambire a traguardi che sono tranquillamente alla portata. Ci sono giocatori che hanno fatto la Serie A che non erano dei fenomeni: ci vuole prima di tutto impegno, mentalità e personalità. Risultati e crescita dovrebbero andare di pari passo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 15/08/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07018 secondi