Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ECCELLENZA - L'intricato percorso burocratico tra Lnd, Figc e Coni

Ripercorriamo le tappe che hanno portato alla richiesta di riconoscere la categoria di rilevanza nazionale. Vediamo anche cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi giorni

La due giorni 23-24 febbraio ha avuto pochi eguali nella storia recente delle “decisioni” da prendere in merito ai campionati dilettantistici. Ripercorrerne le tappe non è cosa facile ma è obbligatorio per meglio comprendere cosa succederà nei prossimi giorni.

Il 5 febbraio, al termine di un lunghissimo Consiglio direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, viene deliberata attraverso un comunicato ufficiale la volontà di perseguire l’iter della ripartenza per quel che concerne l’Eccellenza maschile e altre categorie apicali regionali (Eccellenza femminile, Serie C1 calcio a 5 maschile e femminile) in quanto strettamente collegate alle serie nazionali che stanno regolarmente giocando con un proprio protocollo. Alle direttive della Lnd sarebbe dovuta seguire la formale richiesta della Figc al Coni per il riconoscimento alle categorie sopracitate della “rilevanza nazionale”, condizione unica e necessaria per riprendere gli allenamenti senza rientrare nelle restrizioni del Dpcm attuale). Sarebbe, appunto, perché nella Giunta Coni del 23 febbraio non è arrivata nessuna bollinatura e nessun lascia passare sull’Eccellenza. Il motivo? Semplicemente perché la richiesta formale della Figc, attesa dall’8 febbraio, non è mai giunta al Foro Italico.

In un percorso di ripartenza già molto difficile, laddove restano da definire tutti gli aspetti più delicati di cui diremo dopo, l’essersi inceppati al primo step formale – quello della rilevanza nazionale – è stato visto da molti come una mazzata definitiva tanto che nella giornata di ieri sia la Lega nazionale dilettanti e sia il Coni mediante delle note ufficiali e inequivocabili avevano richiamato la Federazione ai propri compiti. E come nelle migliori soap-opera ecco che, intorno alle 18.00, la famosa richiesta di riconoscimento di “rilevanza nazionale all’Eccellenza e alle altre categorie apicali” redatta dalla Figc è stata inviata al Coni ricevendo, due ore più tardi, addirittura la pubblica condivisione raggiungendo così con 24 ore di ritardo il risultato atteso per martedì. Verrebbe da chiedersi, come mai per quasi venti giorni non ci sono state notizie in merito e poi in neanche un giorno si è risolta la problematica?

Quel che conta è che adesso l’Eccellenza vede la ripartenza più vicina. I prossimi step sono chiari. In primis bisognerà attendere il Consiglio Federale dei primi di marzo (si vocifera l’1/3) che avrà alcuni compiti ben definiti: avviare formalmente da subito l’attività con gli allenamenti tradizionali avendo già ricevuto l’ok dal Coni, redigere un protocollo sanitario deliberando anche delle risorse da destinare alle società e rispondere sui quesiti inviati dalla Lnd in merito alla proposta di blocco delle retrocessioni e alla possibilità di non prender parte al campionato senza perdere la categoria in presenza di particolari problematiche di natura economica. Successivamente la palla tornerà alla Lega nazionale dilettanti che, forte delle indicazioni della Figc, darà le sue linee guida ai Comitati regionali che saranno il terminale ultimo per fissare la ripartenza nelle date e nei format. Se tutte le tappe saranno compiute correttamente, e in tempo congruo, il pallone in Eccellenza tornerà a rotolare. Intanto la sessione di mercato invernale è stata prorogata fino al 31 marzo.
 
Nella foto: Cosimo Sibilia (presidente Lnd), Gabriele Gravina (presidente Figc) e Giovanni Malagò (presidente Coni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 25/02/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09249 secondi