Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ISONZO - Sità: "Stop inevitabile. Che settimane abbiamo passato!"

Il presidente biancazzurro: "Abbiamo avuto in tempi diversi 6-7 positivi al Covid e affrontato le ultime partite con metà rosa indisponibile. Ma ora la situazione si va normalizzando"

Lo stop, la fermata, lo slittamento erano stati caldeggiati (e proprio su queste pagine) con forza in primis dal presidente dell'Isonzo, Massimiliano Sità. Il quale, prendendo a paradigma la situazione della propria squadra (Prima categoria, girone C), aveva subito messo il dito sul caos che la crescita dei contagi avrebbe portato anche nell'attività calcistica. Poi, l'impennata di positività (in Prima categoria 10 giorni fa si contavano più di 150 casi in regione) ha determinato inevitabilmente il posticipo di recuperi, gare di Coppa e decollo del girone di ritorno. 
All'Isonzo la situazione si va normalizzando: "Abbiamo avuto 6-7 ragazzi con il Covid, ma in tempi diversi, segno tra l'altro che non si sono contagiati giocando a calcio - racconta Sità -. Così una rosa di più di venti giocatori a un certo punto si era ridotta a 12-13 elementi. Ci sono stati allenamenti a cui hanno partecipato un drappello di ragazzi, una desolazione. E' giusto aver fatto slittare la ripresa dei campionati e c'è da sperare che il 6 febbraio si possa tornare in campo in una situazione serena e che non penalizzi nessuno. Attendiamo adesso che venga modifica anche la norma che prescrive che passino 30 giorni dalla negativizzazione al Covid per poter riprendere l'attività: in questo modo le cose dovrebbero sistemarsi". 
Il club biancazzurro ha pagato un dazio importante a livello di risultati e classifica a un periodo quanto mai complicato: "Sono arrivate 5 sconfitte di fila, con la squadra che teneva bene per 70', salvo poi andare in riserva. Sì, abbiamo passato delle brutte settimane in tutti i sensi! Sono perciò convinto che, tornando a essere al completo o quasi, riusciremo ad allontanarci dalla zona a rischio della classifica: abbiamo parecchia qualità in rosa, che dovrebbe garantirci la conferma in categoria". 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...




POL. SAN MARCO - Progetto in espansione

La Polisportiva San Marco, già forte dei suoi 1000 iscritti, amplia il proprio orizzonte. E’ un progetto in continua crescita quello dell’omonimo circolo sito nella località di ...leggi
04/08/2022















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08754 secondi