Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


SANT'ANDREA - Markovic: ambiente sano dove poter lavorare bene

Il nuovo tecnico biancoblu fa l’identikit del gruppo che proverà a plasmare: “La tattica è importante ma senza sacrificio non si va da nessuna parte. Voglio una squadra che lotti su ogni pallone, che si sappia difendere ma che sappia anche quando è il momento di far male”

Salutato Fabio Maranzana, il Sant’Andrea San Vito ha annunciato il successore. Si tratta di mister Predrag Markovic, allenatore esperto con un passato tra Prima Categoria e Promozione in Trentino, che fa il suo debutto nella sesta serie della nostra regione. Abbiamo ascoltato le sue prime impressioni a caldo su questo matrimonio che l’ha legato alla società biancoblu: “Ringrazio la società ed il direttore sportivo Michelutti per avermi dato questa opportunità, tornando ad allenare in Promozione. E’ un ambiente che conosco già, che si basa sulla crescita dei giovani e dà opportunità a chi vuole emergere, questo per me è motivante e mi dà ambizione. Sono consapevole che i risultati arrivano con pazienza, tempo e lavoro e farò di tutto per far bene”.

CARRIERA – “Ho fatto la scuola da allenatore in Serbia tanti anni fa, poi mi sono trasferito prima a Trieste e poi in Trentino dove ho allenato in Prima Categoria e Promozione sulla panchina di Ravinense, Aldeno e Villazzano. Al Sant’Andrea ho già dato una mano all’allenatore della Juniores perché ho due figli che ci giocavano e poi in prima squadra a mister Maranzana”.

AMBIENTE – “Lo conosco bene e so di poter lavorare tranquillamente, facendo crescere i giovani, è raro trovare società del genere. Conosco molto bene i ragazzi sia in prima squadra che in Juniores quindi parto avvantaggiato”.

TATTICA – “Punto tutto sul gruppo che dev’essere compatto e lottare su ogni pallone. In queste categorie è questo che fa la differenza. La tattica è importante ma senza sacrificio non si va da nessuna parte. Serve una squadra che difenda bene ma sa fare anche male”.

CAMPIONATO – “Ci sono squadre che contano, non sarà una missione facile ma ce la metteremo tutta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09095 secondi