Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


TROFEO ROCCO - L'Udinese si arrende alla Lazio in finale

I biancocelesti tornano ad aggiudicarsi il torneo a 35 anni di distanza dalla prima volta. L'atto conclusivo del mundialito termina 2-1 al termine di un match rimasto in bilico fino all'ultimo secondo

La Lazio iscrive per la seconda volta il suo nome nell’albo d’oro del Trofeo “Nereo Rocco” per Allievi, a 35 anni dalla prima volta. I biancocelesti trionfano al termine di un torneo praticamente perfetto, anche se c’è stato da soffrire contro un'Udinese mai doma e capace di riaprire una finale che pareva segnata.
Aquilotti subito ben disposti e insidiosi sin dalle prime battute: al 1’ è Mocci a penetrare in area, vincere un rimpallo e battere a rete, murato. Poco dopo bella azione palla a terra sulla sinistra ispirata da Curzi, Battisti è contrato nei sedici metri. L’Udinese perde dopo 6’ l’esterno difensivo Shpuza per infortunio e mette timidamente il naso avanti con una bella sgroppata di Cosentino, che si conclude con una telefonata al portiere, ma successivamente deve già capitolare: è Pernaselci a sbrogliare da due passi una mischia furibonda accesasi sugli sviluppi di un corner. L’Udinese sino alla mezz’ora fatica a mordere, ma riesce comunque a creare qualche brivido: due gli episodi da moviola in area laziale (un contatto proibito ed un tocco di mano) ma il signor Allotta lascia correre.
La partita rimane in bilico sino alla frittata combinata da Mutavcic: l’estremo si fa sfuggire la sfera in area, in agguato c’è Curzi che di prima intenzione batte a rete con la palla sporcata da un difensore – a prendere un effetto strano e abbassandosi all’improvviso si insacca nell’angolino sotto la trasversale. La compagine friulana prova in tutti i modi nella ripresa a rientrare in partita, ma la compattezza della Lazio pare vanificare ogni sforzo dei ragazzi di Stefani.
Prova a scuotere i suoi al 19’ Mardero, con un rasoterra che sibila a lato. La fiammata rianima improvvisamente l’Udinese, che poco dopo con Mlakar sfiora ancora il gol che potrebbe riaprire la gara: il fantasista si invola verso Masi, lo salta, ma si allarga troppo e l’azione sfuma, con l’accorrente Vinciati che scuote l’esterno della rete da posizione defilata. Per contro i capitolini si divorano alla mezz’ora il gol della tranquillità con Santagostino, involatosi solo e soletto davanti a Masi che lo ipnotizza.
Errore capitale, perché le zebrette la riaprono per davvero: è la zampata di Vinciati a restituire coraggio ai suoi e rendere incerto e combattutissimo il finale. Fra i laziali fa capolino la paura, ma il pur generoso forcing bianconero non basta a trascinare l’atto conclusivo ai rigori: è festa biancoceleste al “Bearzot”.
 
*******

LAZIO - UDINESE 2-1
Gol: pt 12’ Pernaselci, 37’ Curzi, st 33’Vinciati

LAZIO: Masi, Scuto, Francioli, Pernaselci, Trifelli, Nebuloso, Battisti, Chiucchiuini (st 15’ Santagostino), Mocci (st 21’ Celli), Polito (st 33’ Fazio), Curzi (st 21’ Fitto). All. Alboni.

UDINESE: Mutavcic, Shpuza (pt 6’ Baiutti, st 40’ Boldarin), Dal Vi (st 31’ Cangiano), Rossi (st 8’El Bouradi), Polvar, Busolini, Orefice (st 8’ Mlakar), Toffolo (st 40’ Pontani), Vinciati (st 47’ Caccioppoli), Mardero, Cosentino. All. Stefani.

ARBITRO: Allotta di Gradisca d’Isonzo.

NOTE: ammoniti El Bouradi, Nebuloso, Toffolo, Cangiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 04/09/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13496 secondi