Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


UFM - Zanuttig: gioia incredibile, finirò qui la mia carriera

Il tecnico biancoblu festeggia il passaggio in Eccellenza: "Ci eravamo lasciati con l'intenzione di lasciarci e quest'anno è andato tutto come doveva. Con la società mi lega un rapporto d'amicizia ancor prima che sportivo, valuteremo quanto potrò allenare ma sono sicuro che non andrò via da qui, al massimo cambierò ruolo"


Entusiasmo incontenibile in quel di Monfalcone per la promozione dell'Ufm al prossimo campionato di Eccellenza. Una cavalcata che riporta i biancoblu nelle categorie che contano dopo la ripartenza dalla Terza e che vede mister Andrea Zanuttig gioire al proprio ritorno sulla panchina dei cantierini: "Soddisfazione enorme perchè vincere a casa dà un sapore diverso, più buono. Con quanto successo era ancora più importante, ci eravamo lasciati con l'intenzione di ritrovarci ed è accaduto quest'anno con questo risultato incredibile. È una gioia enorme".

L'Eccellenza è il minimo che meritate.

"Concordo, bisogna fare i passi giusti, abbiamo raggiunto il minimo sindacale per la città di Monfalcone. Siamo ritornati, la società c'è e bisognerà andare bene avanti".

Hai parlato con il presidente Lugli?

"Sì, non ci siamo detti nulla di particolare. Sapeva perfettamente che sarebbe stata l'ultima panchina, non andrò da nessun'altra parte e chiuderò qui la mia carriera da allenatore. Decideremo insieme i tempi e quando sarà il momento giusto, subentrerà qualche ragazzo giovane e io prenderò altri ruoli. Di qui non mi muovo più, valuteremo il da farsi per la prossima stagione".

È bello vedervi tornare nelle massime categorie dilettantistiche dopo la ripartenza dalla Terza.

"Per Monfalcone è stata dura ed io ho dovuto girare tanto. Ho raccolto soddisfazioni personali, ma ora è il momento giusto per tornare. Con la società ci siamo sempre sentiti e c'è un rapporto di amicizia che ci lega da tanti anni oltre che quello a livello sportivo. Sto godendo per l'esito di questa stagione, non ho molto altro da dire".

Sei un esperto del campionato di Eccellenza, cosa potrebbe mancare all'organico attuale per non soffrire l'anno prossimo?

"C'è già una buona struttura, ora bisogna prendere le scelte giuste ed integrare dei tasselli dove serve. Non penso ci sia bisogno di stravolgere la rosa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 30/04/2024
 

Altri articoli dalla provincia...




AIAC - Viscidi e "La partita perfetta"

Un personaggio di assoluto rilievo. Autore di un volume (“La partita perfetta”) che racconta e analizza tipiche situazioni di campo. Per entrare nel dettaglio, ...leggi
05/06/2024















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,21592 secondi