Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SECONDA B - Dopo 120' al cardiopalma (e 9 gol) brinda la Reanese

I biancorossi di Sant superano 5-4 una mai doma Arteniese e conquistano la promozione. Il presidente Scilipoti: "E' stato una sorta di Italia - Germania 4-3. I ragazzi sono stati bravissimi, in particolare capitan Fiorino e Dedushaj". Sull'altro fronte si mastica amaro anche per qualche decisione arbitrale...



Incredibile Reanese - Arteniese. Una finale play-off memorabile, da 9 gol e infiniti episodi, con l'arbitro Okret, uno dei papabili a salire a livello nazionale, che ha dovuto fare gli straordinari. Non è mancato nulla a un match che già alla vigilia prometteva scintille, emozioni e spettacolo, il tutto ingigantito dalla posta in palio, la salita in Prima categoria. Prodezze, errori, polemiche, gioia e lacrime per un confronto che, a conti fatti, ha visto affrontarsi due compagini degne della categoria superiore. 
Alla fine l'ha spuntata la Reanese di Sant, in un vortice di situazioni che vedevano prevalere ora l'una, ora l'altra squadra. E il presidente dei biancorossi, Salvatore Scilipoti, scomoda un precedente famosissimo, l'Italia - Germania di Messico '70, il celeberrimo 4-3, per rendere l'idea di quello che è andato in scena a Reana del Roiale. 
Festeggia la Reanese, dunque, e il presidente racconta: "Credo che alla fine il risultato sia meritato, anche se è stata durissima; quando siamo andati in svantaggio a inizio ripresa ho temuto il peggio, ma i ragazzi hanno reagito e il 3-3 prima del 90' ci ha dato una ulteriore carica. Avevamo tutto da perdere oggi, abbiamo commesso un paio di errori difensivi legati alla tensione che ci sono costati altrettanti gol subiti. E di fronte avevamo una formazione agguerrita, di valore. Nei supplementari sul 4-3 siamo anche rimasti in 10 quando Okret, che secondo me ha arbitrato bene, ha sanzionato con il secondo cartellino giallo l'esultanza ritenuta eccessiva del nostro Iuri Dessì dopo il gol segnato. E' stata una decisione che poteva starci ma anche severa: comunque, l'abbiamo portata a casa e ora stiamo festeggiando l'impresa che premia l'intera stagione e anche il lavoro compiuto dalla società soprattutto a livello giovanile. Ci attende una Prima categoria molto impegnativa, l'affronteremo continuando nel percorso intrapreso in questi ultimi anni, e poi come sempre accetteremo con serenità il verdetto del campo". 
Applaude tutti i suoi, patron Scilipoti: "Sono stati straordinari, con una nota particolare per capitan Fiorino, autore di una gara incredibile, forse l'ultima con la maglia biancorossa dopo 10 anni consecutivi di militanza, perché il giocatore ha fatto trapelare l'intenzione di volter cambiare società per trovare nuovi stimoli. E poi Dedushaj, che nell'ultimo periodo non era stato proprio super, ma oggi ha fatto la differenza, segnando addirittura una tripletta". 

E l'Arteniese? Si lecca le ferite di un ko per 5-4 duro da digerire : “Non mi è piaciuto l’atteggiamento dell’arbitro, soprattutto nei tempi supplementari, negando un rigore sacrosanto su Marcuzzi sul 4-3 per i padroni di casa e. nell’azione successiva – sottolinea il dirigente, Pierino Jacuzzi - ha decretato invece il rigore per la Reanese e lì è finita la partita. Siamo poi riusciti a segnare il 5-4 con Marcuzzi ma ormai il tempo era agli sgoccioli. Bella partita, giocata bene da entrambe, forse leggermente meglio noi, ma la palla è rotonda e non sempre gira dalla parte giusta”. 
Ma chissà che alla fine anche l'Arteniese non possa brindare al salto in Prima categoria...



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/05/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02206 secondi