Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


LND - Accordo con Federlab per tamponi e test

Tutte le società dilettantistiche potranno usufruire delle oltre duemila strutture associate presenti in Italia. Sibilia: «Ciò assicurerà una riduzione sostanziale dell’impegno economico che i club avrebbero dovuto sostenere. Si parte con la serie D»

In previsione della ripresa dei campionati dilettantistici, la serie D riparte domenica 13 dicembre, è stato siglato un accordo tra la Lnd e Federlab Italia per tamponi e test a tutti tesserati della Lega Nazionale Dilettanti. Un accordo senza precedenti nel calcio italiano, per numero di società e tesserati coinvolti.
Tutti i relativi club potranno contare su un’associazione di categoria tra le principali del paese per laboratori di analisi cliniche e centri poliambulatoriali privati accreditati presso il SSN. L’associazione metterà a disposizione delle società sportive la propria fitta rete di laboratori (oltre duemila strutture associate presenti su tutto il territorio nazionale), così da supportare le squadre della Lnd nella sorveglianza epidemiologica e nel monitoraggio dei casi sospetti.
Il primo campionato a poter beneficiare della convenzione sarà quello di Serie D, che domenica 13 dicembre riprenderà con le gare in calendario dell’8 novembre, dopo un mese interamente dedicato ai recuperi degli incontri rinviati per Covid.
«Quello con Federlab rappresenta un accordo che prima di tutto garantirà il prosieguo del Campionato Serie D e delle altre competizioni nazionali in assoluta sicurezza – dichiara il presidente della Lnd Cosimo Sibilia –. Questa convenzione assicurerà una riduzione sostanziale dell’impegno economico che i nostri club sarebbero stati chiamati obbligatoriamente a sostenere, per rispettare le disposizioni sanitarie legate al Covid-19».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/12/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08376 secondi