Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


PROMO B - Poker di successi in vetta, cinquina di sconfitte in coda

Non cambiano gli equilibri nelle zone più calde della classifica. L’Ufm resta al comando; Velikonja e Zucchiatti decisivi per Kras e Lme. Vittoria salvezza del Fiumicello

Nessuno sbaglia in testa alla classifica, e così le vittorie di Ufm (56), Kras (54), Lme (53) e Virtus (48) lasciano invariate le posizioni e le distanze in vetta. Qualche passo falso, invece, in fondo alla graduatoria, dove chi si sta giocando la permanenza in categoria inciampa, tant’è che non cambia nulla per Pro Romans (26), Trivignano (27) e Trieste Victory Academy (27), mentre si stacca il Fiumicello che si porta a quota 31 punti, reduce da una vittoria contro il Sant’Andrea San Vito.

Ad aprire le danze nella giornata di sabato è la capolista, che con un rotondo 0-5 supera il fanalino di coda Risanese mantenendo il primato solitario, grazie alle marcature di Selva (doppietta), Acampora, Pavan e Dijust.

Non molla la presa il Kras, impegnato nella delicata sfida domenicale al “Collavin” contro la temibile Sangiorgina. A sbloccare la gara sono i ragazzi di Knezevic dopo dieci giri di lancette, quando, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, una grande incornata di Velikonja, all’altezza del primo palo, non lascia scampo a Della Ricca. Prima dell’intervallo i biancocremisi agguantano il pareggio: calcio di punizione di Madonna e colpo di testa di Venturini, per il momentaneo 1-1. Ad inizio ripresa i padroni di casa subiscono la seconda rete, che risulterà decisiva: è il 50’ quando i carsolini sviluppano un’azione sulla destra, con traversone che taglia la difesa e raggiunge ancora Velikonja, puntuale nell’appoggiare in rete la doppietta personale.

Resta sul terzo gradino del podio il Lavarian Mortean che pare aver lasciato alle spalle il momento di flessione e agguanta il quinto risultato utile consecutivo, imponendosi per 1-2 sulla Trieste Victory Academy. Bastano sei minuti a Zucchiatti per sbloccare la gara ed è ancora il numero sette ad infilare Catania quando il cronometro segna il minuto 15, portando a cinque le marcature da quando veste la casacca biancoblu. Reazione casalinga che perviene al 46’ con Hoti, abile nell’accorciare le distanze, ma il risultato finale regala tre punti agli uomini di Pittilino.

Risponde presente anche la Virtus Corno, che dopo lo scivolone contro il Trivignano torna a sorridere a spese della Pro Romans Medea. Bastano quattro minuti a Volas per andare a segno, seguito dieci minuti dopo da Libri che insacca per il momentaneo 2-0. La stoccata finale arriva al 39’ ad opera di Kanapari, e virtussini che possono festeggiare al “Cudiz”. Pro Romans Medea che resta ferma a quota 26, una lunghezza sotto al Trivignano, uscito sconfitto di misura dal “Pierino Dissabo” nel pomeriggio di sabato, dove alla Pro Cervignano basta una rete al 13’ di Delle Case per tornare alla vittoria, dopo tre ko di fila.

Nella lotta per la salvezza, importante è il successo dei ragazzi di mister Trentin, usciti vittoriosi dalla trasferta in terra triestina; a decidere il match sono le reti di Nicholas Corbatto, al 19’, e il rigore di Cocolet, al 74’. In mezzo da registrare il gol al 44’ di Pischianz, che non basta però al Sant’Andea San Vito.

Seppur la gara non avesse molto da dire ai fini della classifica, il Sevegliano Fauglis conquista tra le mura amiche tre punti ai danni della Cormonese, portandosi a +3 dalla diretta rivale. Ad aprire le marcature è Nardella, dagli undici metri, che allo scoccare della mezz’ora supera Caruso, nonostante il portiere avesse intuito l’angolo. Passano cinque minuti: cross dalla trequarti della Cormonese, un attaccante ospite la colpisce di testa e sul tap-in interviene D’Urso che sigla il pareggio. Squadre all’intervallo sul risultato di parità, ma nella ripresa sono i locali ad averne di più, riuscendo a riportarsi avanti con un cross dalla sinistra di Ferrari, deviato in rete dal colpo di testa di Leban, valevole il raddoppio casalingo. Cinque minuti più tardi la palla lunga di Pastorella raggiunge Davide Turchetti, che scavalca il portiere e insacca il 3-1.

A chiudere il programma è la gara di Ronchi, vinta 0-1 dall'Ancona Lumignacco, squadra segnata dal recente scomparsa di Angela Pisacane, moglie del presidente Vincenzo. A decidere la partita è il gol di Amasio, al 27' della ripresa.

A sei giornate dal traguardo resta ancora tutto da decidere nell’avvincente girone B di Promozione, sia nelle posizioni di vertice che nella bagarre della lotta per non retrocedere, dove continuano i colpi di scena e gli avvicendamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/04/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



IL PUNTO - La nuova Terza categoria

Sarà il match di ritorno dei play-out tra Zompicchia e Aris San Polo a determinare l'ultima squadra retrocessa dalla Seconda categoria. La sfida si ...leggi
23/05/2024
















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,14108 secondi