Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


PROMO B - Trieste Victory, che salvezza! Lme ai playoff

I lupi alabardati sbancano Cervignano e restano in categoria a spese del Trivignano, a cui non basta la scorpacciata contro il Sant’Andrea. Giù anche il Pro Romans

La matricola Trivignano retrocede in Prima categoria. Si salva la Trieste Victory Academy. Era questo l’ultimo verdetto atteso nel girone B di Promozione. A salutare la categoria, oltre ai bianconeri e alle già note Risanese e Sant’Andrea San Vito, c’è anche la Pro Romans, a cui sarebbe servito qualcosa di più di un miracolo per salvarsi. Passerella d’onore al Boito per l’Ufm già certa dell’Eccellenza, mentre se la vedranno ai playoff le due corazzate Kras e Lavarian Mortean.

Non basta, dunque, il 5-0 con cui il Trivignano oggi ha battuto il Sant’Andrea San Vito. I ragazzi di mister Sinigaglia hanno ad ogni modo combattuto anche in questi ultimi 90’ allo “Zimolo”, dove ci sono da registrare le marcature di Pascolo (2), Bertoni, Turchetti e Burino in un match dominato dai bianconeri, come da pronostico, contro una squadra che non aveva ormai più nulla da chiedere al campionato. Dopo aver vinto lo scontro diretto proprio contro il Trivignano, la Trieste Victory Academy ha dato prova di forza battendo la Virtus Corno prima e la Pro Cervignano oggi. Dopo soli 13’, giuliani avanti di due reti grazie alla doppietta siglata da Germani. Accorcia le distanze Autiero al 35’, ma i ragazzi di Tropea entrano ancora più determinati nella ripresa e nell’arco di nove minuti Murano mette a segno una doppietta (61’ e 70’). Risultato che pare in cascina, ma brividi nel finale quando Romanelli (80’) e Autiero (82’) danno prova d’orgoglio cercando di agguantare il pareggio. Termina 3-4 ed è festa per gli alabardati.

L’altro successo esterno del turno è quello della Pro Romans Medea, la quale sbanca Pavia di Udine battendo 1-3 l’Ancona Lumignacco salendo a quota 34. Una classifica ormai compromessa per i giallorossi a cui questi tre punti non servono a nulla, se non ad addolcire la discesa in Prima categoria. Da segnalare in ogni caso la prova tenace con cui i ragazzi di mister Radolli hanno chiuso la stagione, grazie a un super Jogan, andato a segno per tre volte (19’, 45’, 82’). Nel mezzo la rete casalinga al 5’ della ripresa di Coassin.
Festeggia davanti al pubblico amico l’Ufm che, chiude il campionato in vetta a quota 69 con il miglior attacco del girone (ben 68 gol all’attivo). Al “Boito” è però la Cormonese a passare in vantaggio al 20’ con Bregant, ma la formazione del tecnico Zanuttig non ci sta a perdere ed ecco che prima dello scadere del primo tempo Gabrieli la pareggia decretando il risultato finale di 1-1.

Hanno lottato fino alla fine anche la seconda e la terza forza del campionato, ossia Kras (67) e Lme (63), uscite vittoriose rispettivamente contro le già salve Sevegliano e Fiumicello. Uno scoppiettante 4-3 permette agli uomini di Knezevic di festeggiare allo “Skabar”: partono subito forte i biancorossi, che dopo due soli giri di lancette sono già avanti grazie alla rete di Badzim, a cui fa seguito la doppietta di Velikonja siglata in nove minuti (12’ e 21’). Bidut accorcia le distanze al 23’, ma sullo scadere della prima frazione è ancora Velikonja a colpire. Nella ripresa, il duo d’attacco del Sevegeliano si sveglia e timbra ancora il cartellino: Strukelj al 51’ e Leban al 69’ chiudono i giochi, ma i tre punti vanno ai carsolini. Basta una rete al Lme per superare il Fiumicello, guadagnandosi il terzo gradino del podio. Al “Beltrame” la decide il fendente di Zucchiatti e biancoblù aritmeticamente ai playoff, che invece sfumato per la Virtus Corno. La compagine di Cortiula chiude con qualche rammarico in quarta posizione a 60 punti, salutando comunque il pubblico amico con un 2-0 rifilato al Ronchi grazie alle marcature di Mocchiutti al 37’ e Kodermac a 4’ dal triplice fischio finale. Da segnalare il primato nella classifica capocannonieri per il bomber Dalibor Volas che termina il campionato con 19 gol all’attivo.

Chiude sotto le quattro corazzate del girone la Sangiorgina (48), la quale festeggia al “Collavin” l’ultima fatica stagionale calando la manita contro la Risanese. Da segnalare le reti messe a segno da Kuqi, Carrara, Cavaliere (2) e Madonna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 05/05/2024
 

Altri articoli dalla provincia...




IL PUNTO - La nuova Terza categoria

Sarà il match di ritorno dei play-out tra Zompicchia e Aris San Polo a determinare l'ultima squadra retrocessa dalla Seconda categoria. La sfida si ...leggi
23/05/2024















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,14087 secondi