Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


COPPA - Il Vesna merita e vince. Al Lia Piave saltano i nervi

La squadra di Sandrin disputa una gara attenta e convincente, mentre i veneti chiudono in 8 e soccombono 2-0. Carli sempre puntuale a sbrogliare i pericoli

Il Vesna debutta con un promettente 2-0 nel triangolare triveneto, nel primo turno della fase nazionale della Coppa Italia per Società di Eccellenza. Con un gol per tempo la squadra del presidente Vidoni, regola il Lia Piave, apparso piuttosto nervoso e quasi mai in partita. I carsolini mettono le mani sul possibile passaggio di turno. Decisivo il match del 2 marzo in Alto Adige contro la Virtus Bolzano.

 

Il Tabellino

VESNA  - LIA PIAVE  2 - 0
Marcatori: 2’ Colja D.  –  92’ Kosmac (r)

VESNA: Carli, Kerpan G., Stanich, Kerpan A., Vatovec, Potenza, Kosmac, Colja E., Colja D. (87’ Muccio Crasso), Bozicic (81’ Arduini), Venturini. All. Luigino Sandrin

LIAPIAVE: Dal Bo, Boro, Cittadini (46’ Furlan), Gagno (86’ Manzan), Bortot, Bianchi, Tegon, Pettena, Abazi, Florean (53’ Benetton), Fiorotto. All. Albino Piovesan

ARBITRO: Frascaro (FI) – Assistenti: Tirico (MO) – Caggiano (RE) – Quarto uomo: PIAZZINI (PO).

Note: Giornata di sole, campo allentato – Spettatori 400 circa.

Ammoniti: Bozicic, Kerpan G. (V), Boro (L), Bianchi (L) – Espulsi Boro per doppia ammonizione, Furlan per una gomitata, Dal Bo per fallo da ultimo uomo. Sandrin allenatore del Vesna per proteste.
Calci d’angolo 1-6 - Recupero: 1t: 1’ – 2t: 5’.

Il gol lampo del Vesna che arriva al 2’ è tutta una questione di famiglia. Erik Colja conquista palla sulla trequarti ed innesca la giocata del fratello David, due passi dentro l’area e palla e stoccata imprendibile alla destra dell’incolpevole Dal Bo. Forte del vantaggio, il Vesna assume il controllo della gara. Bozicic, Erik Colja e Albert Kerpan presidiano ordinatamente la loro metà campo, e cercano con continuità la verticalizzazione per David Colja e per Venturini, ed è proprio quest’ultimo al 20’ che riceve palla al limite dell’area e non ci pensa due volte a scaricare il destro verso la porta dei veneti, sempre più pressati nella loro trequarti dalle iniziative dei carsolini.
Al 21’ il primo vero tentativo verso la porta del Vesna, sugli sviluppi di un fallo laterale la palla arriva ad Abazi, Carli sventa con una puntuale respinta. Col passare dei minuti diventano insistenti le iniziative dei veneti, ma al 26’ il Vesna sfiora il raddoppio. Bozicic subisce fallo ai 25 metri, la punzione calciata con precisone millimetrica incoccia la traversa all’incrocio dei pali.
La reazione della squadra di Piovesan è tutta nella mezza girata di Boro che al 34’ finisce alta sulla traversa, così come non sortisce effetti il tentativo di Gagno direttamente su calcio di punizione al 40’. Chiude in attacco la squadra di Sandrin, anche se al 42’ l’incornata di Potenza su imbeccata di Bozicic direttamente su calcio di punizione è facile preda di Dal Bo.

Secondo tempo Al rientro dagli spogliatoi è ancora del Vesna al 1’ minuto l’occasione per sorprendere la retroguardia veneta, David Colja s’incunea nella difesa gialloblu, ma non trova il tempo per la battuta a rete, poi al 5’ della ripresa il tentativo di Bozicic su calcio da fermo è parato a terra da Dal Bo. Timida la reazione dei piavotti; al 14’ ci prova Gagno, il suo tentativo finisce alto. Sfuma d’un soffio al 16’ l’occasione del raddoppio, Colja dalla linea di fondo disegna una traiettoria che prende di sorpresa la difesa dei veneti, ma non trova nessuno dei suoi per la facile deviazione a rete. Al 17’ Boro, reo di aver commesso due falli da ammonizione, nel giro di poco più di un minuto, si fa cacciare anzitempo negli spogliatoi. Veemente la reazione dei veneti, seppur costretti all’inferiorità numerica, che al 23’ sfiorano il pari. Decisiva la respinta di Stanich che s’immola sul tiro a rete scagliato da Tegon. Scampato il pericolo, è ancora il Vesna a creare preoccupazione alla difesa di Piovesan. Al’ 26’ Kosmac impegna a terra Dal Bo da fuori, tutto da rifare perché il sig.Caggiano alza la bandierina segnalando una posizione di off side. Non molla la presa il Lia Piave che cerca in ogni modo il pari. Al 27’ ci prova Furlan da buona posizione, Carli smanaccia in angolo, prima di rimediare un espulsioneper una gomitata ad Erik Colja, sanzionato dal sig. Frascaro di Firenze con un rosso diretto. Lia Piave in nove, non molla la presa alla disperata, cerca in ogni modo un pari che la rimetterebbe in carreggiata. Bianchi lasciato colpevolmente solo, sfiora d’un nulla il pari e sul capovolgimento di fronte si decide definitivamente il macht. Abile ancora una volta Erik Colja a far ripartire i suoi ed a servire nella terra di nessuno un preciso quanto invitante lancio per Kosmac, che elude la guardia del suo diretto marcatore e poi cerca di superare Dal Bon che lo stende in area. Calcio di rigore e terza espulsione per i veneti. Dagli undici metri Kosmac non trova difficoltà ad infilare Bortot, improvvisatosi portiere per l’occasione.
Buona la prova dei ragazzi di Sandrin, che hanno giocato alla pari, anzi forse meglio, per lunghi tratti della gara, concedendo rarissime occasioni ai veneti, che mercoledì 24 dovranno vedersela con la Virtus Bolzano che potrebbe avvantaggiarsi delle tante assenze per squalifiche dei veneti. Per quanto riguarda i nostri portacolori appuntamento il 2 marzo prossimo sul campo della Virtus Bolzano.

IN ARRIVO L'APPLICAZIONE 

In attesa dell'applicazione ITALIAGOL - FRIULIGOL è disponibile il nostro servizio dedicato all'inserimento del risultato finale e dei propri marcatori.Istruzioni su come interagire con la nostra redazione


 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/02/2016
 

Altri articoli dalla provincia...



L'EVENTO - Sandrin, il "Comuzzi" è tuo

La sezione udinese dell'Aiac (Associazione Italiana Allenatori di Calcio), presieduta da Giovanni Tortolo, ha voluto presentare - per la prima volta - a media, consiglie...leggi
14/12/2018































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,97211 secondi