Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


AIC - Tommasi: in Serie D il rischio di chiusura anticipata è alto

L'importanza di tutelare le categorie minori, soprattutto i dilettanti. Sia per la salute che per il danno economico. L'Aic sta studiando una soluzione ad hoc

Assemblea d’urgenza oggi tra la Lega Serie A e le altre componenti del calcio italiano, l’obiettivo è definire un programma per la ripresa e i tagli agli stipendi dei calciatori cercando un’intesa con l’Aic. Nel frattempo ai microfoni di Rainews24 il numero uno dell’Assocalciatori, Damiano Tommasi (foto), ha precisato una volta di più l’importanza di tutelare le categorie minori.

TUTELARE I PIU’ DEBOLI
“Assieme alla Lega Pro stiamo ragionando sulle modalità per tutelare i redditi più bassi, non dobbiamo dimenticare che il 70% dei calciatori di terza serie guadagna meno di 50mila Euro lordi all’anno. In generale stiamo cercando di capire se sarà possibile utilizzare una parte delle risorse risparmiate ad alti livelli per garantire una tutela a chi, in Lega Pro, Serie D e nel calcio femminile, deve mantenere la propria famiglia con redditi molto bassi”.

ATTENZIONE AI DILETTANTI
Situazione decisamente delicata, in Serie D tanti ragazzi vivono di calcio e oggi rischiano di restare a bocca asciutta in una crisi senza precedenti: “Chi percepisce stipendi bassi rischia di non essere rispettato, tanti ragazzi non hanno una prospettiva futura perchè non si sa quando si potrà riprendere. In D ci sono più di 160 squadre ed è difficile trovare una soluzione comune a livello di sicurezza, il rischio che possa finire anticipatamente la stagione è molto alto e questo chiaramente metterebbe in difficoltà tanti ragazzi che vivono di calcio – sottolinea Tommasi – oltre a tutelare la salute degli atleti, abbiamo la responsabilità di far ripartire il sistema calcio, tutelando non soltanto i calciatori ma anche allenatori, dirigenti, magazzinieri, massaggiatori, autisti, addetti al campo”.


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/04/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




COPPA DISCIPLINA - Ecco le meritevoli

L’ultimo comunicato ufficiale della Federcalcio regionale della stagione 2019/20 ha tra gli allegati le classifiche ufficiali, comprensive quella della Coppa Disciplina, da sempre ritenuta molto importante soprattutt...leggi
28/06/2020

INGOL - Una App pensata anche al calcio femminile

Dopo la inattesa anticipazione sulle norme che entreranno in vigore dal 15 luglio tutto sembra far presagire il ritorno degli sport di contatto all’aperto, tra questi ovviamente il calcio, nelle zone dove l’emergenza e la pande...leggi
22/06/2020














Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,43588 secondi