Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


LCFC - Lo sfogo di Tonino: protocolli imbarazzanti, dura ripartire

Il presidente della Lega Calcio Friuli Collinare commenta le norme ideate per la ripartenza del calcio dilettantistico: "Forse chi scrive guarda troppa tv, in questa Lega ci sono squadre che devono farcela con le proprie esigue forze, così si penalizzano società e presidenti"

Lunga "denuncia" da parte del presidente della Lega Calcio Friuli Collinare, Daniele Tonino, che si interroga sui nuovi protocolli, che hanno avuto un vero e proprio plebiscito di disapprovazione da parte di addetti ai lavori, tifosi ed appassionati. Nel suo intervento il presidente fa notare come le attuali norme vadano a penalizzare i campionati dilettantistici, in cui ci sono possibilità economiche enormemente inferiori rispetto ai massimi campionati, penalizzando di fatto leghe come la Lcfc ma soprattutto le società che avranno enormi spese eliminando completamente gli introiti.

Tra i netti controsensi ed un modo anacronistico di interpretare il calcio dilettantistico, i redattori di questo protocollo si sono resi bersaglio di aspre critiche che potranno scaturire in scioperi e slittamenti dei campionati: "Sono uno sportivo come tutti gli altri, imbarazzato nel vedere tutti questi protocolli da parte di tutte le Federazioni, ma scritto da chi non ha conoscenza dello sport di base, quello praticato dalla maggior parte della gente. Forse chi scrive guarda troppa televisione e pensano che nello sport che pratichiamo ci siano tanti soldi, cosa assolutamente non vera. Nella Lega Calcio Friuli Collinare ci sono tante squadre che devono farcela con le proprie esigue liquidità di cui dispongono, protocolli del genere bloccano di fatto la maggior parte dei campionati. Sono perplesso, tutti vogliono tornare a giocare ma così è difficile. Noi vogliamo essere prudenti al fine di tutelare i nostri iscritti ma fosse per noi torneremmo a giocare anche domani. Tutti vogliono vedere un pallone che torna a rotolare. Ci sono tanti controsensi: l'obbligo di mascherina in panchina, quando un minuto dopo si entra in campo e si è a stretto contatto con gli altri ventuno giocatori, non vedo tanta logica in tutto ciò. I protocolli sono scritti solo sull'enfasi del momento ma poco studiati. Ci si scorda del chiosco: si può andare regolarmente al bar sotto casa, mentre al chiosco nel post partita è vietato. Si potrebbero applicare tutte le norme che vengono usate in qualsiasi altro locale, non capisco questa grande contraddizione. Il sabato sera in giro per Udine si trova di tutto e di più, mentre ad un chiosco con trenta persone viene impedito. I protocolli dovrebbero rispettare le norme di sicurezza ma al contempo venire incontro alle società dilettantistiche, anche perchè a calcetto si può giocare regolarmente. Ci accusano di non voler giocare, noi non vediamo l'ora e siamo nati per giocare, ma se si vogliono dare responsabilità assurde ai presidenti è dura. In questo momento parlo come sportivo e non in qualità di presidente, magari verrò tacciato di ignoranza ma ci sono troppe contraddizioni e tantissime persone la pensano come me".

Ma le attività della Lcfc non si fermano, come per esempio i corsi per arbitri: "C'è un buon numero di nuovi partecipanti, purtroppo ultimamente manca un po' la voglia di diventare arbitro e noi vogliamo farla tornare. Secondo me è uno stimolo che va dato creando una nuova cultura sportiva che al momento viene a mancare dappertutto. Stiamo diventando troppo aggressivi ed il risultato sta diventando un'ossessione in ogni categoria: sicuramente bisogna giocare per vincere ma ci vuole un po' di empatia anche per gli arbitri che possono sbagliare come i giocatori. I ragazzi devono pensare a divertirsi anche svolgendo questo ruolo e non innervosirsi oltremodo, bisogna mettersi anche nei loro panni. E' un discorso che va incentivato su tutto il panorama nazionale".

La Lega, nella persona del presidente Tonino, si dimostra sempre pioniera nelle novità, soprattutto a livello informatico: "Abbiamo apportato diverse modifiche alla normativa, eliminando i comunicati ufficiali ed aggiornando in tempo reale su ogni decisione. Ora un po' in tutti i campionati ci sarà una sola copia fisica della lista gara, decisione che noi abbiamo introdotto già a Febbraio ed a breve elimineremo anche l'unica copia fisica, mettendola a disposizione tramite foto a tutte le società. Siamo stati anche in questo caso dei precursori".

Intanto, in attesa di sviluppi per quanto riguarda la querelle protocolli, è pervenuta alle società, da parte della Lega Calcio Friuli Collinare, la data d'inizio ufficiale per il prossimo campionato, fissata per venerdì 16 Ottobre, con le preiscrizioni che potranno effettuarsi fino a lunedì 31 Agosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Friuli in Gol Sabato 22 - 08 - 2020

Ascolta la puntata

https://i.imgur.com/1sFtTFz.jpg

Friuli in Gol "la regjon tal baloon"
Da 14 anni tutto il calcio Dilettantistico, Giovanile e Amatoriale in Friuli Venezia Giulia ce lo racconta Franco Poiana sulle nostre frequenze tra ospiti competenti e pubblico appassionato!
Ospite della puntata di sabato 22 agosto il presidente della Lcfc Daniele Tonino.

dal Lunedì al Sabato alle 7:30 e in replica alle 12:00

su Radio Gioconda sulle frequenze:
FM 98.5 MHz Udine
FM 98.3 MHz Pordenone
FM 105.9 MHz Gorizia
FM 107.3 MHz Trieste
FM 104.8 MHz Tolmezzo
FM 106.9 MHz  Gemona del Friuli

https://i.imgur.com/si8gsUK.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/08/2020
 

Altri articoli dalla provincia...





UISP CSI - Nulla è ancora deciso sui campionati

Mentre la Lega Calcio Friuli Collinare ha già ufficializzato il “rompete le righe” con l’annullamento della stagione 2019/20 e la Figc sta cercando di capire come, se, e con che modalità concludere questo campionato sui camp...leggi
20/04/2020


LCFC - Proroga sospensione fino al 15 aprile

Il consiglio direttivo della Lcfc del 31 marzo ha deliberato di prorogare la sospensione dell’attività già in essere, fino al 15 aprile 2020. Il Consiglio si è inoltre riservato ogni altra decisione in ...leggi
01/04/2020

LCFC - A Cormons si prospetta incertezza

Non bastasse il problema “Covid-19”, a mettere, in allarme diverse società sono le attuali restrizioni sugli spostamenti oltre confine. Per quale motivo? Guardando oltre la fine dell’attuale emergenza, quando potranno riprendere al...leggi
27/03/2020

LCFC - Nessun comunicato, occhio alle bufale

Purtroppo ci sono ancora diverse persone che definirle “imbecilli” è poco quando diffondono notizie prive di fondamento o del tutto false, le cosiddette “fake news” e chi le divulga è passibile di den...leggi
16/03/2020

LEON BIANCO B - Maran: siamo una grande famiglia

Secondo anno nel Campionato Collinare per il Leon Bianco B (3^/B), società che insieme all'omonima squadra A rappresenta il comune di Cormons. Se nella passata stagione c'è stato un fisiologico periodo d'adattamento, quest'an...leggi
12/03/2020









Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,74435 secondi