Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


AIA GRADISCA - A lezione da Giancola

Il segreto del buon arbitro è studiare. La “lectio” dell'ex arbitro di Serie A in videoconferenza con i colleghi della locale sezione. Il suo monito a non smettere di imparare e ad andare avanti senza abbattersi dopo una prestazione sotto tono

Una serata per tirare le fila del discorso, quella di ieri, tenutasi tra gli arbitri di calcio di Gradisca d’Isonzo e non solo. A ormai quasi cinque mesi dallo stop dei campionati di base, infatti, i tesserati del goriziano hanno incontrato in videoconferenza Angelo Martino Giancola, ex arbitro di Serie A e attualmente componente della Commissione arbitri nazionale per la Serie D (Can D). L’evento ha visto la partecipazione di tesserati da tutta la regione, oltre che dei vertici del Comitato regionale, a partire dal presidente Andrea Merlino. Un appuntamento atteso da qualche settimana e inserito nelle visite degli ospiti nazionali sul territorio.
«La resilienza - ha spiegato l’ex fischietto - non è solo reagire a una stagione che va male o un infortunio, ma anche a una prestazione sotto tono. Si può sbagliare ma è necessario essere capaci di andare avanti, senza abbattersi. È comunque un divertimento, che va vissuto con la consapevolezza che purtroppo lo sport oggi ci manca e che ci dobbiamo preparare a quando torneremo in campo». Il messaggio dell’ospite si è quindi indirizzato agli arbitri più giovani, tra cui quelli che non hanno ancora fatto l’esordio a causa della pandemia, ma anche ai “veterani” costretti a un’insolita routine settimanale stravolta ormai da un anno: niente partite, niente allenamenti di gruppo.
Attraverso alcuni video commentati dagli stessi ragazzi in video-collegamento, tra cui alcuni freschi di promozione dagli ultimi corsi, sono state quindi illustrate diverse casistiche. Un momento importante per rivedere le differenze tra Dogso e Spa, termini sempre più centrali ed essenziali da far propri per riuscire a riconoscerli chiaramente durante il gioco. Al componente della Can D sono quindi arrivati i ringraziamenti da parte del presidente regionale Merlino e di Gradisca d’Isonzo, Roberto Semolic. «Momenti come questo sono estremamente importanti - ha commentato Semolic -, soprattutto in un periodo come questo dove manca a tutti poter tornare a giocare».
Proprio per questo, il ritorno alla normalità comporterà inevitabilmente qualche difficoltà. In questo senso, è necessario già oggi “oliati gli ingranaggi”, a partire dalla conoscenza del regolamento, elemento imprescindibile per chi viene designato. «Dobbiamo fare nostri i termini corretti - ha sottolineato -, altrimenti diventa difficile andare in campo. L’arbitro del futuro è uno studioso e ricercatore, siamo tutti studenti di arbitraggio e abbiamo la fortuna di avere a nostra disposizione anche le immagini». Proprio da qui si deve partire per togliersi di dosso la “polvere” dopo quasi 12 mesi di stop e Giancola ha così tenuto una lectio sui concetti essenziali da tenere in mente.

Timothy Dissegna (Referente FVG della rivista "L'Arbitro")

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 16/03/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06698 secondi