Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


IL SUGGERIMENTO - Risparmiare energia elettrica sui campi

Dal 1° gennaio è previsto l’aumento del costo della materia prima. Le società devono fare i conti anche con le bollette, se non è il comune o l’Ente proprietario dell’impianto a pagare. Un po’ scherzosamente vediamo come risolvere

Il nuovo anno ci propina un altro aumento (e ti pareva!) del costo dell’energia elettrica e per le società che devono pagare di tasca propria la bolletta, si fa sempre più dura. Naturalmente il consumo maggiore sta nell’impianto di illuminazione, notevolmente per chi non ha ancora i fari a led, ma anche spogliatoi e riscaldamento hanno il loro bel consumo.
Occorre risparmiare se non si ha il portafoglio sempre gonfio. Ovviamente non è facile nella gestione di un’attività sportiva con determinati orari, ma qualcosa si può fare.Ecco alcuni esempi da prendere anche un po’ “goliardicamente”. 

ILLUMINAZIONE CAMPI – La cosa più ovvia sarebbe di non giocare gare in notturna o in orario in cui necessita l’illuminazione artificiale, ma le esigenze spesso non lasciano alternative. Già con l’inizio alle 14.30, in giornate nuvolose, serve accendere i fari nel secondo tempo. Iniziare mezzora o un’ora più tardi, ancor di più necessitano (ma serve proprio cominciare a quegli orari?). Durante gli allenamenti basta il minimo indispensabile, non serve avere il campo a giorno, non ci sono le telecamere di Sky a riprendervi. E ad allenamento finito, spegnere subito, i piccoli animaletti notturni che scorazzano sull’erba vedono anche al buio. 

SPOGLIATOI – Superfluo dire che l’ultimo ad uscire chiude la porta e spegne la luce, ma non sempre lo si fa. Probabilmente i giocatori non pensano che a pagare poi è la società e se paga le bollette forse non ha i soldi per poi dare i rimborsi (quelli alti, per intenderci). La luce si spegne, tanto i vestiti non hanno paura a restare al buio e così le panche e appendini vuoti a fine allenamento. 

RISCALDAMENTO – Ebbene sì, anche questo consuma energia. Non serve avere la sauna all’interno degli spogliatoi, quella si forma durante la doccia. Dipende dal tipo di impianto, ma mezzora o tre quarti d’ora prima dell’ingresso dei giocatori, è più che sufficiente a riscaldare l’ambiente, non ci sono spogliatoi grandi come un supermercato. E programmare lo spegnimento durante l’orario della doccia basta e avanza per far rimanere il tepore, per di più aumentato dall’acqua calda e dal vapore delle docce stesse. E così anche i ragazzi non rimangono a lungo a chiacchierare. 

CHIOSCO BAR – C’è poco da fare, frighi e congelatori devono rimanere accesi sempre. Qui è importante che vengano attratti più clienti possibili, più consumano, più gli incassi aumentano per compensare la spesa energetica. Della serie: “venghino signori, venghino. Qui si beve e si mangia bene!”      

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 04/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09759 secondi