Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


TAVAGNACCO - Campi: gara specchio della nostra stagione

Le parole del tecnico al termine della sconfitta casalinga contro l’Arezzo

Dopo la sconfitta infrasettimanale di Cuneo, costata l’aritmetica retrocessione, l’UPC Tavagnacco apre la giornata domenicale di Serie B femminile cadendo in casa per 0-4 contro l’ACF Arezzo e incassando la nona sconfitta consecutiva. Un risultato che non premia l’impegno e la dedizione dimostrati dalle ragazze di mister Alessandro Campi, punite in maniera decisiva negli errori commessi in apertura di seconda frazione:

“La partita ha rappresentato fedelmente la stagione vissuta: abbiamo costruito i presupposti per poter vincere questa sfida, creando importanti opportunità, ma a causa di due ravvicinati infortuni difensivi ci siamo trovati in doppio svantaggio, senza prima aver subito nemmeno un tiro in porta. Da lì è originato il tracollo, che oggi si giustifica se non altro dal punto di vista morale, perché al peso dell’aritmetica retrocessione si sono sommati i primi due gol che ci hanno tagliato le gambe”.

In occasione della prima rete subita si può parlare di doppio infortunio, dato che oltre all’incomprensione tra portiere e difensore da cui è scaturito il gol di Razzolini, il portiere gialloblu, Giulia Sattolo, ha riportato una contusione che l’ha costretta ad abbandonare anzitempo il terreno di gioco:

“Speriamo si tratti di nulla di troppo grave, ma purtroppo temiamo una frattura alla mano. Dalla panchina era sembrato che nella circostanza l’attaccante avesse commesso un fallo abbastanza evidente, ma stando alla decisione dell’arbitro posso dire che, sfortunatamente, all’infortunio tecnico si aggiunge l’infortunio fisico della nostra atleta”.

Nonostante il verdetto della retrocessione, acquisito già a seguito della sconfitta di metà settimana contro della Freedom, la squadra gialloblu ha approcciato la gara contro l’Arezzo dimostrando carattere, sintomo del voler onorare al meglio le ultime gare che mancano prima del termine della stagione:

“Il gruppo è sano e ha capito che c’è il dovere di tenere alti la tensione e l’impegno fino alla fine. Per molte ragioni vogliamo dare tutto quello che possiamo e che abbiamo fino all’ultimo minuto dell’ultima partita. La squadra è unita e nonostante le enormi difficoltà della stagione, anche oggi ci ha provato. Continueremo a farlo!”.

Il Tavagnacco proveniva dalla retrocessione dello scorso campionato, poi revocata grazie al ripescaggio; tuttavia l’esito si è ripetuto, disattendendo gli auspici e gli obiettivi prefissati a inizio anno:

“Volevamo creare una squadra che potesse competere per rimanere nella categoria, ma devo ammettere che il livello del campionato si è alzato esponenzialmente, e a questo si sono aggiunti gli errori da noi commessi dal punto di vista della gestione del campionato, dietro ai quali non ci nascondiamo. Va detto che la nostra regione è indietro per quanto riguarda la realtà del calcio femminile, e ciò è testimoniato anche dalla non partecipazione in forma autonoma al torneo delle regioni. Purtroppo adesso anche il Tavagnacco paga queste difficoltà”. 

Luca Ursig

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/05/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12993 secondi